Gianfelice Facchetti: “Mancini deve restare. Sassuolo modello italiano”

Gianfelice Facchetti: “Mancini deve restare. Sassuolo modello italiano”

Gianfelice Facchetti ha parlato del recente passaggio di proprietà dell’Inter, esprimendo la propria opinione sul futuro di Roberto Mancini

di Luca Veneruso, @il_lidl

Gianfelice Facchetti, intervistato da “L’Avvenire”, ha parlato del recente passaggio di proprietà dell’Inter. Ecco la seconda parte della sua intervista (clicca qui per la prima parte):

SASSUOLO – “Consiglierei al gruppo cinese di guardare al modello Sassuolo: lì dal presidente Squinzi all’area tecnica fino allo stadio di proprietà c’è la dimostrazione che si possono realizzare delle bellissime cose e senza necessariamente svenarsi”.

INTER DEL TRIPLETE – “Nell’Inter del 2010, quella del “triplete”, c’erano tante figure carismatiche… L’uomo in più? Jorge Valdano“.

MANCINI – “In questo momento non mi pare il caso di mettere in discussione la sua panchina: conosce la piazza ed ha ancora una buona scorta di riconoscenza da parte dei tifosi per quello che ha fatto in passato”.

FACCHETTI – “Io che ruolo potrei avere in questa Inter? Potrei fare il presidente – sorride – inteso come “regista”, cioè colui che spiega ai cinesi che stanno giocando con le emozioni di milioni di tifosi nerazzurri e devono recitare bene la loro parte. Dovranno essere bravi nella narrazione se vogliono far capire alla gente che le cose stanno cambiando e che la fortuna della società deriverà da questo nuovo spettacolo che intendono allestire, possibilmente assieme a tutti noi appunto che siamo nati e cresciuti con l’Inter nel cuore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy