NUMERI – Inter, sei imprecisa. Guarin primeggia…

di

di Bartoloni Riccardo

Inutile negarlo, non è un bel periodo per i colori nerazzurri. Con due punti in tre partite non si può andare da nessuna parte e continuando di questo passo si rischia di ripetere il disastroso fine stagione dell’anno scorso. Di certo la fortuna non è stata amica della squadra di Milano, che ha colpito ben 17 pali fino ad oggi, anche se a livello di gioco si doveva obbligatoriamente fare qualcosa in più. Tanti i punti persi negli ultimi 15 minuti di gara, come avevamo già riferito nella rubrica “NUMERI” della settimana scorsa, e ancora nessun rigore a favore.

Altro dato che non aiuta il morale interista è quello dell’imprecisione dei suoi giocatori: 1 tiro in porta ogni 3.02 volte che si prova la conclusione. Molto più preciso il Napoli che centra lo specchio della porta ogni 2.58 tiri, mentre la Juventus si aggira attorno alla media dei 2.68 tiri e la Roma 2.75. Leggendo queste statistiche è facile che saltino in mente le numerose conclusioni di Guarin non andate a buon fine. Il colombiano è infatti il giocatore nerazzurro ad aver provato più volte ad impensierire i portieri avversari, con un totale di 85 tiri, solo 23 dei quali finiti in porta (per una media di 1 tiro in porta ogni 3.70). Molto più preciso Palacio che avendo tirato meno volte del centrocampista interista ha centrato lo specchio della porta più spesso (77 tiri e 32 in porta).

Interessante invece il dato dei contrasti vinti dai calciatori nerazzurri in questa stagione. L’Inter infatti si trova in prima posizione in questa speciale statistica con un totale di 547 contrasti vinti, alle spalle di Catania (543), Parma (541) e Livorno (528). Ultimo il Milan con soli 428 contrasti vinti.

Se con Mazzarri ci si poteva aspettare molti cross come conseguenza del suo gioco basato sull’avanzare degli esterni, le statistiche sembrano dire il contrario. Il giocatore nerazzurro ad aver provato più volte il cross è Ricky Alvarez con 162 tentativi, molto lontano dai 329 cross del laziale Candreva, che in questa stagione ha il primato in questa speciale classifica. Gli esterni Nagatomo e Jonathan invece si trovano in 17 e 26esima posizione con rispettivamente 97 e 119 cross.

Con la gara di lunedi scorso invece, è ulteriormente peggiorato il dato dei gol subiti negli ultimi 15 minuti del secondo tempo. Sono infatti 8 (24% del totale) i gol che l’Inter ha incassato nella parte finale di gara. Tanti punti persi per qualche disattenzione, che ci avrebbero permesso di concludere la stagione in modo dignitoso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy