Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Inter-Milan, Conte (Rai): “Felici del risultato, ma dobbiamo essere più freddi sotto porta. Bello vedere Lukaku arrabbiato. Eriksen? Ce lo teniamo stretto”

L'Inter se la vedrà in semifinale contro la vincente di Juventus-Spezia

Alexander Ginestous

L'Inter si aggiudica un derby giocato a senso unico contro un Milan che non ha prodotto enormi pericoli nell'area nerazzurra. Al vantaggio iniziale firmato Ibrahimovic, hanno risposto nel secondo tempo Lukaku e una perla su punizione di Christian Eriksen a tre minuti dalla fine. Ora l'Inter se la vedrà in semifinale contro la vincente di Juventus-Spezia.

Ad analizzare la partita ci ha pensato il tecnico nerazzurro Antonio Conte ai microfoni di Rai Sport. Ecco le sue parole: "Siamo di nuovo in semifinale per il secondo anno consecutivo, oggi la squadra ha interpretato bene il derby. Era una partita dura, essere riusciti ad eliminare il Milan è un'ottimo risultato. Ha valori importanti e anche oggi ha avuto occasioni. Fino all'espulsione però il risultato non era giusto, il portiere loro è stato il migliore in campo. Dopo l'espulsione abbiamo creato tanto, anche se siamo ancora poco cattivi e determinati sotto porta, dobbiamo migliorare. Dedichiamo la vittoria ai tifosi, anche a quelli presenti fuori da San Siro".

Lukaku - "Non so cos’abbia detto a Ibrahimovic, possono succedere situazioni dove ci si arrabbia. Ma da una parte mi ha fatto piacere vedere Romelu sul pezzo perché Ibra ha dentro la cattiveria del vincente, penso che Romelu stia crescendo sotto questo punto di vista. Se si arrabbia mi fa solo piacere".

Eriksen - "Non partirà nessuno, l'ho sempre detto. Lavoriamo tanto con lui da un punto di vista tattico come vice Brozovic. A livello calcistico è intelligente e ha qualità. Fa parte del progetto e sono contento per il suo gol, ho voluto calciasse quella punizione. È ancora timido e spero si sciolga. Forse è un ragazzo fin 'troppo per bene', ma noi ce lo teniamo stretto".

Bilancio - "Nei miei confronti c'è sempre tanta aspettativa. Il nostro è un percorso lungo, stiamo avendo numeri statisticamente importanti, e penso che a differenza di altre squadre con l'Inter si cerchi sempre di guardare il bicchiere mezzo vuoto. Stiamo migliorando e nonostante le difficoltà extra campo stiamo rispondendo tutti nella giusta maniera. Sono contento di essere capo di questo gruppo".