Mercato – Pastore e Ramires erano colpi “apparecchiati” dalla dirigenza: no di Suning ed ora…

Mercato – Pastore e Ramires erano colpi “apparecchiati” dalla dirigenza: no di Suning ed ora…

Ausilio e Sabatini avevano impostato le trattative per l’argentino ed il brasiliano

di Nunzio Corrasco, @ncorrasco

Nel corso della sessione invernale di calciomercato, l’Inter non è riuscita a completare la rosa a disposizione di Spalletti ed ora rischia di pagare un conto davvero salato.

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, erano sotto gli occhi di tutti e facilmente leggibili le lacune dell’Inter nella corsa Champions. Javier Pastore e il brasiliano Ramires avrebbero sistemato molte cose, ed erano obiettivi «apparecchiati» per bene dal coordinatore dell’area tecnica di Suning Sports Group Walter Sabatini e dal direttore sportivo Piero Ausilio. Ma la proprietà ha pensato diversamente: negato quindi senza logica apparente Ramires, e zero budget su Pastore, giocatore di livello internazionale che sarebbe tornato utile anche nell’eventuale Champions dell’anno prossimo. Saltato poi l’ultimo assalto a un centrocampista di gamba (priorità per Spalletti) sempre per la «rigidità» economica di Suning, nonostante Brozovic fosse stato di fatto già piazzato a Siviglia (prestito oneroso e ingaggio a carico degli spagnoli).

Gli Zhang hanno sempre parlato di zona Champions come obiettivo da non fallire, ma inseguire l’Europa che conta in queste condizioni sembra quasi una scommessa da giocatori d’azzardo. Ci vorrà tutta la bravura di Spalletti e tanto Rafinha per chiudere il campionato davanti a una fra Lazio e Roma, entrambe con rose decisamente più complete di quella nerazzurra.

LEGGI ANCHE–> RAFINHA RISPONDE PRESENTE: ECCO I VOTI DATI AL BRASILIANO

Tutte le news sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

ZENGA, GIRO DI CAMPO PER CUORI INFRANTI: SAN SIRO È SUO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy