Dalla Spagna – Icardi, il futuro parla sempre più francese: il PSG lo riscatta, ecco chi gli farà posto

Dalla Spagna – Icardi, il futuro parla sempre più francese: il PSG lo riscatta, ecco chi gli farà posto

Il giocatore ha avuto un buon inserimento nell’ambiente parigino

di Lorenzo Della Savia, @loredstweet

Basta un gol, e la notizia che Mauro Icardi abbia messo a segno una rete con il Paris Saint-Germain viene messa in moto anzitutto in direzione dell’Inter, e poi in tutte le altre. Ergo, che l’attaccante argentino abbia avuto un buon approccio con la nuova destinazione parigina, all’Inter, lo sanno bene: non che per i nerazzurri, questo, sia fonte di rimpianto, anzi: rappresenta più che altro l’opportunità concreta di possibili introiti a partire già dai prossimi mesi. A spiegarlo è l’edizione odierna di AS: come riporta il quotidiano sportivo spagnolo, infatti, Maurito viaggia spedito verso il riscatto – a fine stagione – da parte dei parigini.

A fargli spazio nella rosa capitolina sarà Edinson Cavani: e, a tal proposito, tutti gli indizi convergono affinché calciatore uruguaiano possa ritenere concluso il proprio ciclo all’ombra della Tour Eiffel a fine stagione. Un cambio della guardia nell’organico dei transalpini, insomma, che necessita però di una condizione fondamentale per essere esercitato: i 65-70 milioni di euro che Al-Khelaifi sarà chiamato a sborsare per permettere all’Inter di mollare Icardi. Cosa che Marotta e Ausilio hanno tutto l’interesse a fare. I gol di Maurito a Parigi, nei corridoi di via della Liberazione, non destano nostalgia.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Stadio, lunedì il voto: si va verso il si con riserva. Candreva: “C’è aria positiva, vogliamo continuare così”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy