Bonolis: “Razzismo? No, i ‘buu’ fatti per innervosire. Amplificato tutto in modo eccessivo e strumentale”

Bonolis: “Razzismo? No, i ‘buu’ fatti per innervosire. Amplificato tutto in modo eccessivo e strumentale”

Il noto conduttore televisivo va controcorrente: “Giusto voler migliorare, ma i calciatori devono accettare che nello stadio ci siano provocazioni”

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar
intervista bonolis

Durante la sua visita all’auditorium dell’Ospedale Bambino Gesù, Paolo Bonolis si è soffermato a parlare del tema del razzismo, più che mai ricorrente in queste settimane in cui, in diversi stadi, si è assistito ad episodi spiacevoli come quelli a Koulibaly e Meitè. Ecco il pensiero del noto conduttore televisivo a Sky Sport: “Non è un problema il razzismo, ma l’atteggiamento provocatorio ed irridente del tifo. Se fai “buu”, a parte il fatto che sei limitato, lo fai per irridere e far arrabbiare allo stadio. Dovremmo fermarci in continuazione. Se fossero razzisti lo farebbero a qualsiasi giocatore di colore”. 

“Lo sportivo” – continua Bonolis – “deve accettare il fatto che sia così, lo stadio è un luogo differente, ma dal quale guadagna bene per fare una bella vita. Le cose si possono migliorare, ma non sono così drammatiche: c’è una volontà di amplificazione di tutto, talvolta eccessiva e strumentale”.

LEGGI ANCHE – Inter-Sassuolo, le probabili formazioni: due dubbi per Spalletti

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

LIVE MERCATO – SEGUI TUTTE LE TRATTATIVE DEI NERAZZURRI IN DIRETTA

VIDEO – Pep Guardiola, compleanno amaro: “Non ho amici…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy