Bonolis: “Spalletti ottimo allenatore: Nainggolan e Perisic problemi imprevisti. Zaniolo? Mi scoccia che…”

Bonolis: “Spalletti ottimo allenatore: Nainggolan e Perisic problemi imprevisti. Zaniolo? Mi scoccia che…”

L’Inter non ha ancora vinto una partita in campionato nel 2019

di Paolo Messina
intervista bonolis

La squadra non gira e la crisi è l’unica parola d’attualità. Risollevarsi non è facile, ma bisogna alzare la testa e iniziare a fare nuovamente punti per non perdere il treno del terzo posto e iniziare a dover fare i conti con le numerose inseguitrici, che da dietro spingono per aumentare le loro possibilità di qualificazione Champions.

Paolo Bonolis, sempre attento alle vicende nerazzurre da buon tifoso qual è, ha così parlato a RMC Sport: “L’Inter ha una rosa ottima per il prossimo campionato. Per questo, Spalletti dovrà trovare nuovi schemi tattici e nuovi stimoli. Cancelo? Mi è dispiaciuto, ma non si poteva fare altro economicamente. Credo che Cedric sia un ottimo giocatore. Icardi e Lautaro devono avere serenità lì davanti per quello che possono rendere sul campo. Prossimo anno? Mi piacerebbe chiunque abbia una rosa adeguata per affrontare gli obiettivi da Inter. Può farlo Spalletti come Antonio Conte. Dietro vanno forte? Speriamo che intruppino (ride, ndr). Quando apri il frigorifero cucini con quello che hai, ma puoi essere un creativo. Spalletti credo sia un ottimo allenatore ma con problemi che pensava di non avere come Nainggolan, Perisic e o le pressioni mediatiche di Wanda Nara. Mi scoccia che Zaniolo sia andato via, perché si vedeva che in prospettiva sarebbe stato un grande giocatore. La Roma è una squadra che ha creduto molto in un processo di ringiovanimento”. Intanto, su Twitter, arriva il nuovo messaggio di Wanda Nara che sta facendo discutere.

LEGGI ANCHE – > Libero – Mourinho e la voglia di Inter: “Jorge Mendes prepara il grande ritorno. Mou ha un sogno: fermare la Juventus”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. delsalv_14172930 - 10 mesi fa

    Condivido completamente. Spalletti è un tecnico motivatore che da tutto per la squadra che allena. Il suo grosso rammarico è che di fronte si è trovato un mercenario(Nainggolan) che fino ad adesso sta mostrando mancanza di professionalità, di attaccamento alla maglia e di gratitudine verso chi gli ha dato una seconda chance, visto che a Roma non era più voluto dalla Dirigenza per i suoi continui comportamenti fuori dalle righe fuori dal campo, vedi festino di Capodanno dove era completamente ubriaco.Il problema di Perisic è nato quando è incominciata la querelle di Wanda nara/icardi per l’ennesimo aumento secondo me non giustificato per il poco contributo che da alla squadra in fase difensiva e di costruzione di gioco.Secondo me la soluzione è che a fine anno si cerchi di realizzare la migliore plusvalenza dalla cessione del nsotro “capitano” attuale in maniera che non si verifichino più le spaccature dello spogliatoio a metà stagione. icardi non è un capitano. Un capitano unisce non divide lo spogliatoio e certo dopo la prestazione mediocre contro il bologna sta zitto e non si permette di “evangelizzare” che un vero Interista debba amare la squadra sia quando vince sia quando perde. personalmente non ho mai visto un icardi sudato a fine partita. secondo me si sta risparmiando già per la prossima squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. epbort - 10 mesi fa

    Analisi perfetta. Spalletti tuttavia, se è onesto, deve ammettere di aver fatto un errore tremendo nel chiedere a tutti i costi Nainggolan: lo conosceva bene, non poteva non sapere che tipo sia. Perisic (e anche qualche altro croato forse) via in estate. I clan degli stranieri fanno solo casino. Quanto a Icardi, se qualcuno offre davvero i 100 milioni (dubito fortemente) va venduto immediatamente, come ha fatto la Juve con Pogba. Onestamente non è un gran giocatore: certo fa qualche gol ma non corre, non difende e tecnicamente è mediocre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. luigi.bond_357 - 10 mesi fa

    Analisi, che io condivido assolutamente anche se aggiungo Icardi – Per me e l’ho sempre scritto e ripetuto, i problemi sono iniziati nell’estate del 2016, quella che io ho definito, l’estate degli orrori di Tohir. Anche in quel caso specifico Wanda e Icardi hanno creato molti malumori nell’ambiente, con il loro atteggiamento sui social, cosa che ogni società che si rispetti avrebbe da tempo bloccato. Le trattative di lavoro, aumento di stipendio ecc. si possono condurre solo nella sede idonea. Capisco il malumore di Peresic, anche perchè me Peresic, come potenziale, non sarebbe inferiore a Icardi. Nell’estate del 2016,secondo me si è creata una frattura, che non si è mai rimarginata del tutto e queste sono ora le conseguenze. Icardi andava ceduto già da allora al migliore offerente – mentre Mancini andava tenuto a tutti i costi e dando ascolto a lui, grande assemblatore di squadre e conoscitore di calcio, capace di scovare talenti giovani e farli crescere, ci saremmo risparmiati di sperperare i denari sperperati con Joao Mario e Gabigol, visto che Mancini era contrario all’acquisto di entrambi e avrebbe preferito investire su un’altra tipologia. di giocatori. Io l’ho sempre detto e lo ripeto se fosse rimasto Mancini e lo avessero lasciare, ora l’inter sarebbe ben altrove, almeno stabilmente in UCL e da qualche anno in più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. corrado_corradi@hotmail.com - 10 mesi fa

      D’accordo!Tolto il dente,tolto il dolore!Via Icardi e via equivoci tattici e pulizia di immagine mediatica!Poi, con un ambiente più sereno ed equilibrato si possono costruire squadra e progetti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy