Callegari: “Conte ha marcato l’unità d’intenti con la società e la differenza con il passato”

Callegari: “Conte ha marcato l’unità d’intenti con la società e la differenza con il passato”

L’analisi del giornalista riprende anche il “no more crazy Inter” affermato da Conte al presidente Steven in un’intervista

di Paolo Messina

Il primo grande botto sul mercato l’ha messo a segno l‘Inter. I calciatori arriveranno in un secondo momento, ma priva va sempre messa a posto la questione allenatore. Nel consueto valzer di panchine a fine anno, i nerazzurri hanno puntato forte su Conte e sulla sua mentalità vincente.

Archiviato il campionato, i temi da analizzare sono evidentemente legate alle mosse delle varie squadre. Massimo Callegari, nella sua analisi per l’Insider, ha fatto il punto su quanto accaduto negli ultimi giorni in casa Inter: “Il fatto principale di mercato della scorsa settimana è stato l’approdo di Antonio Conte sulla panchina dell’Inter. Senza assecondare le fazioni più estremiste del tifo, è evidente che si tratta di un momento storico clamoroso. Giovanni Trapattoni e Marcello Lippi, illustri precursori dell’ex “c.t. di tutti” (cit.) non avevano comunque raggiunto il senso di identificazione assoluta che Conte ha avuto con la Juventus da giocatore e da allenatore. Dovrà conquistare i suoi nuovi tifosi e ha tutto per poterlo fare, con le caratteristiche che hanno contraddistinto la sua carriera da tecnico: senso del lavoro, nessun senso del limite, fedeltà assoluta ai propri valori tecnici, tattici e di gruppo.

“Sin dal suo primo impatto social ha marcato l’unità d’intenti con la società e la differenza con il passato. “No more Crazy Inter”, non più Pazza Inter. Qualcuno si è offeso, altri hanno gridato alla “lesa irrazionalità”. Dimenticando che dell’ultima Inter vincente, guidata da un altro condottiero esemplare, non si ricordano le pazzie o le occasioni gettati in modo scriteriato ma proprio regolarità, solidità e tranquillità nei momenti più caldi come la finale di Madrid 2010. A ben guardarlo, “no more crazy” non è un oltraggio alla storia ma un richiamo a quella più vincente di un club di nuovo pronto a competere al top sul piano economico e tecnico.”

UFFICIALE – La Fiorentina blinda Chiesa: “Per l’attuale proprietà, il prossimo anno giocherà a Firenze”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy