Ceferin positivo sulla ripresa: “Il buon calcio con i tifosi tornerà molto presto”

Ceferin positivo sulla ripresa: “Il buon calcio con i tifosi tornerà molto presto”

L’Uefa non navigherebbe in brutte acque, il problema sono i vari club e le leghe che in questo periodo di emergenza hanno bisogno di ripartire

di Gianluca Cutillo

Il presidente della Uefa Aleksander Čeferin  si dice positivo per la ripresa del mondo del calcio, convinto che i tifosi potranno tornare presto allo stadio. La situazione è sempre da monitorare, con la salute non si scherza, ma secondo lo stesso presidente non si può neanche decidere di bloccare tutto per sempre. Il giornale britannico Guardian ha pubblicato un’intervista dello stesso Čeferin nella quale si discute del momento particolare.

TANTO LAVORO – “Sono stato in Svizzera la scorsa settimana per la prima volta in due mesi e ho avuto incontri dalle 9 alle 23. Ci sono così tanti problemi di calendario e così tanti milioni e milioni che perderemo. È quindi difficile addormentarsi di notte. Saresti abbastanza irresponsabile se riuscissi ad addormentarti subito dopo una giornata del genere. La situazione per la Uefa non è così allarmante, non siamo in una situazione pericolosa, ma ci preoccupiamo ancora dei club, delle leghe e delle parti interessate”.

TORNERANNO I TIFOSI – “Siamo pronti e seguiremo le raccomandazioni delle autorità, ma sono assolutamente sicuro, personalmente, che il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto”.

IL CALCIO CAMBIERÀ? – Non penso che nulla cambierà per sempre. È una nuova esperienza e quando ci libereremo di questo sanguinoso virus le cose torneranno alla normalità. Il calcio non è cambiato dopo la seconda guerra mondiale, o la prima guerra mondiale, e non cambierà nemmeno a causa di un virus. La gente ha detto molte volte che il mondo non sarà più lo stesso dopo … questo potrebbe essere vero, ma il mio punto di vista è perché non pensare che il mondo sarà migliore dopo questo virus?”

LA TERZA COMPETIZIONE EUROPEA – La faremo assolutamente. Non la rimanderemo.

FAIR PLAY FINANZIARIO – “Se le squadre non seguono le regole, saranno sempre sanzionate, ma ovviamente pensiamo a come migliorare le nostre normative e, se necessario, adattarci ai nuovi tempi. Questo non accadrà molto presto ma stiamo pensando di migliorare; modernizzandolo e facendo qualcosa in più sull’equilibrio competitivo. Stiamo anche prendendo in considerazione una sorta di “tassa sul lusso”, se possibile. Quindi, ci sono molte idee ma credetemi, durante questi tempi difficili abbiamo smesso di pensare più o meno ai cambiamenti che accadranno in futuro”.

I GIOCATORI E I LORO STIPENDI – “Non penso che i giocatori siano avidi. Non sono avidi. Il mercato decide i prezzi e se tu o io avessimo un’offerta da 20 milioni a stagione, non penso che né tu né io diremmo: ‘No, no, no, non voglio essere avido, dammi 200.000.’ Quindi, non sono avidi: il mercato decide. Ma ora vediamo se la risposta del mercato a questa crisi significa che i prezzi scenderanno. È possibile che i prezzi scendano, ma non credo sia giusto dire che i giocatori sono avidi. Portano anche molte entrate e il calcio è una grande industria che paga un’enorme quantità di tasse. Anche il giocatore sta pagando enormi tasse, quindi non penso che la parola giusta sia avidità, o che i club dovrebbero essere più saggi, perché è semplicemente il mercato a decidere come si stanno muovendo i prezzi”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Cavani e Werner in salita, da Barcellona nuove voci su Lautaro. Le ultime su Icardi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy