Colonnese: “Bisogna lavorare di più e non parlare. Non vorrei che le frizioni nascano perché…”

Colonnese: “Bisogna lavorare di più e non parlare. Non vorrei che le frizioni nascano perché…”

L’ex difensore: “I primi mesi abbiamo detto che Conte ha fatto un lavoro spettacolare, poi a gennaio qualcosa si è rotto”

di Roberto Gentili

Con il campionato che sta volgendo verso la conclusione, è tempo di tirare le somme di ciò che è stato. Quello dell‘Inter, ad esempio, è da considerarsi un campionato positivo o negativo? A questo amletico quesito ha provato a rispondere Francesco Colonnese. L’ex difensore nerazzurro ha così parlato ai microfoni di TMW Radio. “I primi mesi abbiamo detto che Conte ha fatto un lavoro spettacolare. Bisognerebbe arrivare a fine anno, c’è un’Europa League da portare a casa. L’Inter non era partita per vincere il campionato”.

IL FATAL GIRONE DI RITORNO – Come successo nelle scorse stagioni, al giro di boa qualcosa nei meccanismi nerazzurri si è inceppato: “Da gennaio è crollata, serve non parlare più e lavorare. Poi a fine anno si faranno le valutazioni. Qualcosa all’interno si è rotto, non c’è chiarezza. Le polemiche peggiorano la situazione e non serve a niente. Se si continua così, va tutto a rotoli”.

FUTURO INCERTO – Dopo il pareggio (2-2) di ieri sera contro il Verona, le voci di un possibile addio anzitempo di Conte hanno iniziato a prendere piede: “Gli ultimi risultati negativi hanno portato qualcuno ad affermare che anche la posizione di Conte sia in pericolo in vista della prossima stagione. Il mercato dell’Inter è stato importante, non so se riuscirà a farlo il prossimo anno. Non so come andrà. Non vorrei che certe esternazioni sono figlie del fatto che l’Inter non vuole spendere tanti soldi, ha concluso Colonnese.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Calciomercato Inter – Conte lascia? Skriniar in discussione, Kumbulla incanta. Candreva rinnova

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy