Da Eto’o a Belfodil passando per Taribo West: Moses è il 30esimo africano della storia dell’Inter

Da Eto’o a Belfodil passando per Taribo West: Moses è il 30esimo africano della storia dell’Inter

Lunghissima la lista degli africani in nerazzurro, tra top indiscussi e flop clamorosi. Li ricordavate tutti?

di Giuseppe Coppola

Sarà Victor Moses il nuovo rinforzo dell’Inter. L’esterno nigeriano, reduce dal prestito al Fenerbahce ma di proprietà del Chelsea, ritroverà Antonio Conte a distanza di due anni dall’ultima avventura con i Blues, vissuta fianco a fianco prima dell’addio del tecnico, oggi in nerazzurro. Sarà il 30esimo calciatore africano della Beneamata, in una storia ricca di grandi protagonisti ma anche di meteore, tra curiosità e desaparecidos.

Sul tetto d’Europa

Se pensiamo ai top class dell’Africa che hanno scritto il proprio nome sui trionfi nerazzurri, il nome più caldo e quello che risuona ancora tra gli echi di San Siro appartiene a Samuel Eto’o. Il Re Leone ha collezionato con i nerazzurri 53 gol e 25 assist tra il 2009 ed il 2011: numeri da record contraddistinti dalla vittoria del Triplete, memorabile per la storia interista. Insieme a lui, sul tetto d’Europa di Madrid c’era anche Sulley Muntari, acquistato nel 2008 ed in nerazzurro fino al 2011 prima del prestito al Sunderland e la firma con il Milan.

Passato e presente

Il primo nigeriano della storia dell’Inter fu però Nwankwo Kanu, acquistato dall’Ajax nel 1996 ma mai davvero protagonista con i colori nerazzurri. 53 presenze fino ad oggi invece per Kwadwo Asamoah, acquistato a parametro zero nell’estate del 2018 ma condizionato, attualmente, da diversi problemi fisici che hanno spinto l’Inter all’assalto nei confronti di Moses. Un solo keniota invece nella storia della Beneamata: si tratta di Mariga, acquistato a gennaio del 2010 dall’Inter in una parentesi che non gli ha regalato lo spazio che sperava di ottenere. Dal Kenya alla Repubblica Centrafricana: il colpo dell’Inter nell’estate del 2015 aveva il nome di Geoffrey Kondogbia, centrocampista mai davvero decisivo con la casacca nerazzurro nei due anni milanesi, conditi da tante presenze al di sotto delle aspettative.

Impossibile da dimenticare invece Oba Oba Martins, cresciuto nella Primavera interista e protagonista dal 2002 al 2006 con 49 gol, 7 assist ed una serie infinita di capriole ancora impresse nei ricordi dei tifosi dell’Inter. Tra gli ultimi attaccanti africani a vestire la maglia della Beneamata c’è invece Keita Balde, passato alla corte di Spalletti lo scorso anno e protagonista a tratti prima del gol decisivo contro l’Empoli che ha contribuito alla qualificazione in Champions del club di Zhang. Passato in prestito a Milano, i nerazzurri hanno scelto di non riscattarlo ed oggi prova a ritagliarsi un ruolo da star al Monaco.

Desaparecidos e flop storici

Meno recenti e poco avvezzi alle luci dei riflettori invece i vari Eliakwu, Nwankwo Obiora, Donkor, Firmani – primo africano della storia, arrivato all’Inter nel 1958 – Womé, Boumsong, Fadiga, Maaroufi, Domoraud, Belaid e Camara. Nell’elenco c’è spazio però anche per Taribo West, Victor Obinna, Joel Obi, Alfred Duncan, Ibrahima Mbaye, Saphir Taider, Houssine Kharja, Assane Gnoukouri e Mohamed Kallon. Uno dei grandi flop porta però il nome di Ishak Belfodil, acquistato come una delle possibili rivelazioni del mercato nerazzurro ma in gol solo contro il Trapani in Coppa Italia, prima dell’addio e dei vari trasferimenti che lo hanno portato all’Hoffenheim.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE MERCATO – Pressing del Napoli per Politano. Lipsia in pole su Lazaro. Atteso il rilancio per Eriksen

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy