Florenzi pensa solo alla Roma: “Voglio far cambiare idea a Fonseca. Ieri sera avevo solo un obiettivo”

Florenzi pensa solo alla Roma: “Voglio far cambiare idea a Fonseca. Ieri sera avevo solo un obiettivo”

Il calciatore è stato accostato, tra le altre, anche all’Inter

di Lorenzo Della Savia, @loredstweet

Alessandro Florenzi è figlio di Roma e della Roma: non è – e non lo è mai stato – un giocatore da cui aspettarsi distaccamento dalla causa giallorossa nei momenti di difficoltà, come indubbiamente è quello che sta vivendo oggi nella Capitale, sotto la guida di Fonseca: sì, perché il minutaggio – sinora – di uno dei romani della Roma, di uno dei simboli di squadra e città, non soddisfa. Ma non per questo induce lo stesso Florenzi a pensare ad altro, o – peggio – al mercato: dove è stato adocchiato anche da alcune società come l’Inter, almeno stando agli accostamenti degli ultimi giorni.

Il giocatore, infatti, ha tenuto a ribadire la propria dedizione verso la causa romanista ai microfoni di Sport Mediaset, in un’intervista rilasciata a margine della gara di ieri dell’Italia contro la Bosnia, partita in cui – a scapito del poco spazio trovato con la Roma – ha giocato titolare: “Non ho giocato per far cambiare idea all’allenatore (Fonseca, ndr), ma per Alessandro – ha affermato Florenzi – Penso solo a giocare, voglio dare il mio contributo alla Roma. Continuerò ad allenarmi a duemila come sempre fatto e spero che nel breve periodo possa riuscire a mettere in difficoltà il mister, che in questo momento sta facendo altre scelte. E io le rispetto”.


Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – L’Inter fa chiarezza sul caso Conte. D’Aversa blinda Kulusevski. Asse caldo col Barcellona. Il nostro focus sui minutaggi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy