GdS – “Il più grande cortocircuito tra arbitro sul campo e arbitro alla Var”: la moviola di Fiorentina-Inter

GdS – “Il più grande cortocircuito tra arbitro sul campo e arbitro alla Var”: la moviola di Fiorentina-Inter

Regolari i gol di Chiesa e Vecino: i due giocatori, anche se per millimetri, sono in posizione regolare

di Raffaele Caruso

E’ inevitabile che il tema più caldo di giornata sia la moviola di Fiorentina-Inter e quel calcio di rigore assegnato all’ultimo secondo alla squadra viola che di fatto ha arrestato la corsa nerazzurra in campionato. La Gazzetta dello Sport ha analizzato i casi più spigolosi della partita, destinata a far discutere per molto tempo.

– Il rigore alla Fiorentina:Non si può non cominciare dalla coda di una partita che, di fatto, tracima ai supplementari, stabilendo il record di durata (102’) e passando alla storia di questo campionato come il più grande cortocircuito tra arbitro sul campo e arbitro alla Var. Un impazzimento di cui fa le spese l’Inter, privata di due punti nella corsa Champions per una scelta ostinatamente sbagliata del direttore di gara, Abisso di Palermo, che concede nelle ultimissime battute della partita un calcio di rigore alla Fiorentina: fischiato in tempo reale con molta precipitazione e confermato dopo una lunga review (l’ennesima, come vedremo, della gara). Succede al 96’ quando il cross di Chiesa, che si è impossessato del pallone con un intervento probabilmente irregolare, viene intercettato da D’Ambrosio: l’arbitro, da buona posizione, indica subito il dischetto, e in effetti la dinamica a velocità normale fa pensare che l’interista abbia deviato il pallone col braccio sinistro. Ma Michael Fabbri, arbitro ravennate designato al Var di questa partita, non appena rivede l’immagine ravvisa la possibilità che il collega abbia commesso un errore «chiaro ed evidente», visto che lo convince a far scattare la review. Abisso passa lunghi minuti al monitor, rivede più volte l’episodio, probabilmente si fa ingannare dal movimento del braccio di D’Ambrosio, che in effetti va a cercare il pallone, ma trascura colpevolmente che il primo impatto dell’interista col pallone sia con il petto. Fatto sta che non avendo certezze mantiene la sua decisione, sbagliando clamorosamente. Una scelta che probabilmente è anche figlia di quelle prese fino a quel momento”.

L’1-0 di Chiesa:Dopo 17” la Fiorentina è già in vantaggio: lancio di Ceccherini per Chiesa che scatta sul filo del fuorigioco e mette in mezzo per Simeone. Abisso aspetta qualche secondo prima di riprendere il gioco, il tempo che Fabbri, sfruttando le immagini in 3D, valuti la posizione di Chiesa: regolare (su questo non possono esserci dubbi), ma di pochissimo”.

Il pareggio di Vecino:Al 6’ pareggia l’Inter: Veretout libera male, Nainggolan la mette dentro per Vecino. In questo caso Abisso in mezzo al campo aspetta tre interminabili minuti, tanto ci vuole per verificare che l’uruguaiano sia in posizione regolare, tenuto in gioco da Vitor Hugo”.

Il rigore dell’1-3:Nella ripresa, al 5’ Abisso ferma il gioco a centrocampo per andare al monitor e verificare cosa sia accaduto poco prima in area viola: la review evidenzia un tocco col braccio di Edimilson Fernandes. Giusto concedere il rigore”.

Il gol annullato alla Fiorentina: “Al 15’ Biraghi trova il gol con una gran botta da fuori, ma precedentemente Muriel ha atterrato D’Ambrosio: intervento non visto da Abisso (che pure era in buona posizione) ma segnalato dall’ottimo Fabbri. Che in questo caso convince il direttore di gara”.

Wanda Nara a Tiki Taka sul caso Perisic-Politano: “Quello è rispetto? Icardi prova grande dolore”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy