Inter-Cagliari, Conte (Rai): “Lukaku può ancora migliorare. Mercato? Non abbiamo grande disponibilità”

Inter-Cagliari, Conte (Rai): “Lukaku può ancora migliorare. Mercato? Non abbiamo grande disponibilità”

Le dichiarazioni del tecnico interista raccolte nel post partita di San Siro

di Giuseppe Coppola

Dopo la vittoria in Coppa Italia contro il Cagliari, ai microfoni di Rai Sport ha parlato Antonio Conte per analizzare la sfida di San Siro. Queste le dichiarazioni raccolte nel post partita: “C’è stata un’ottima risposta da parte di tutti i ragazzi. In diversi non giocavano da un po’ e lo stesso Barella era reduce da un infortunio. Sono contento perché ho avuto risposte positive da Dimarco, Lazaro che ha fatto una buona partita, Borja si è confermato un elemento che sta facendo bene. Sono contento per Alexis: ci vuole ancora un po’ per vedere il vero Sanchez ma ha dimostrato che sta recuperando e sta tornando a disposizione”

Sull’esultanza dalla panchina del tecnico: “Vi ringrazio per il paragone con Trapattoni al quale sono legato con grandissimo affetto, lo ringrazierò per tutta la vita. Con questi ragazzi c’è una buona sintonia ed un buon feeling. Hanno voglia di fare e quando hai un gruppo del genere devi essere contento di averli a disposizione”. Sul campionato: “Andare fino in fondo? Abbiamo fatto un’andata importante. Fare 46 punti come li abbiamo fatti noi non era semplice. Si sono fatti trovare tutti pronti, le difficoltà ci hanno responsabilizzato. Il ritorno sarà difficile ma lo sappiamo, ci sarà da giocare, da lottare e da crescere. Si è iniziato un percorso e bisogna avere pazienza per assimilare il tutto”.

Su Lukaku, Conte commenta così: “Non mi piace parlare dei singoli. Parliamo di un giocatore che sta dimostrando la sua forza ed ha margini di miglioramento come Lautaro, Esposito e Sanchez. Bisogna lavorare e cercare di migliorare. L’importante è che ci sia disponibilità, questo è l’importante”. Passaggio importante sulle prossime trasferte delicate dei nerazzurri: “Un vantaggio il dover giocare lontano da San Siro? In casa abbiamo pareggiato contro squadre forti e perso contro la Juventus. Fosse per me giocherei sempre in casa. Scudetto? Penso che la cosa positiva sia il feeling trovato con i ragazzi. Hanno sposato la nostra idea di calcio. La fase di pressione dobbiamo cercare di portarla per tutta la partita ed essere sempre attivi anche nella nostra metà campo. Mi riempie di soddisfazione vedere che hanno sposato il nostro modulo con due punte e con centrocampisti che si inseriscono. Anche i quinti devono essere bravi e cercare di fare qualcosa in più in fase realizzativa”. 

Sui difetti dell’Inter: “Non ho trovato nulla che non andava. L’ammonizione di Sensi ed il gol mi avevano turbato. Dobbiamo cercare di evitare questi particolari però sono molto soddisfatto per la prestazione”. In chiusura, il commento sul gap con le grandi in Italia: “Penso che il direttore sia stato chiaro nel dire che non ci sono molti soldi e dovremo essere bravi eventualmente a trovare delle situazioni che per tanti motivi ci possono portare dei benefici. Se ci saranno delle occasioni faremo delle operazioni a buon mercato, altrimenti la vedo dura. Le idee ci sono: quando non puoi arrivare con i soldi devi farlo con l’intelligenza”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

https://www.passioneinter.com/notizie-nerazzurre/pagelle-inter-cagliari-4/ 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy