L’agente Damiani: “Karamoh che impatto e che personalità. Non carichiamolo di responsabilità”

L’agente Damiani: “Karamoh che impatto e che personalità. Non carichiamolo di responsabilità”

L’intermediario dell’operazione con il Caen elogia l’esterno francese

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar

L’agente Oscar Damiani, che ha avuto un ruolo determinante nel portare a Milano Karamoh, ha parlato in un’intervista a Fcinternews dell’esordio del francese contro il Genoa: “Ha fatto molto bene, calandosi con grande voglia, determinazione e personalità: ha preso l’iniziativa cercando di mettere in difficoltà gli avversari e ci è riuscito in più di un’occasione, portando per esempio Taarabt all’espulsione, oltre che ad aver conquistato l’angolo decisivo grazie ad un suo tiro”.

L’agente, che cura gli interessi di Karamoh in Italia, prosegue parlando del rapporto del giocatore con i tifosi, che subito ne sono parsi sorpresi: “Il pubblico sa che Karamoh aveva molte squadre che lo seguivano, ma ha scelto l’Inter. E’ molto positivo che si sia instaurato questo bel rapporto con i tifosi. Con le prossime prestazioni potrà maturare ancora”.

Riguardo l’aspetto fisico della nuova freccia nerazzurra, si mette di traverso a chi lo considera troppo leggero: Non è assolutamente vero: è alto un metro e ottantacinque e pesa 80 chili! E’ ben strutturato, anche se magari essendo rapido e veloce può sembrare il contrario. Quello che ha fatto ieri è molto positivo, anche se credo che non bisogna caricarlo di troppe responsabilità, ha ancora molto da lavorare ed in Italia lo potrà fare.”

Si passa poi a parlare del ruolo in squadra, viste le continue critiche piovute addosso a Candreva dopo le sue ultime uscite: “Non voglio interferire con il lavoro dell’allenatore, io faccio l’agente. Karamoh deve pensare solo a lavorare, poi starà a Spalletti valutare di volta in volta se farlo giocare a gara in corso o farlo partire dall’inizio.”

In chiusura l’agente si sofferma su Andrei Radu, di proprietà dell’Inter ed in prestito all’Avellino: “E’ sulla buona strada e deve continuare così. L’altro giorno ero allo stadio a Novara a vedere la partita. Lui è felice ad Avellino, e ha fatto la scelta di andare lì quando non era per nulla scontato. Il 6 Ottobre giocherà con l’under 21 di cui è capitano, l’Inter ci punta e pensiamo che possa esserci per lui un grande futuro a Milano. Per ora lasciamolo tranquillo e permettiamogli di fare una bella stagione, a fine anno se ne riparlerà.”

KARAMOH ANCORA BLOCCATO IN ASCENSORE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy