GdS – Marotta furioso: l’Inter voleva giocare a porte chiuse con la Sampdoria

GdS – Marotta furioso: l’Inter voleva giocare a porte chiuse con la Sampdoria

L’amministratore delegato ha cercato di fare il possibile per evitare il rinvio

di Antonio Siragusano

Sono state ricche di tensione le ultime ore trascorse in casa Inter. Non solo per la naturale apprensione dovuta all’espansione quasi incontrollabile del coronavirus sul territorio italiano, ma anche ad un calendario che – con il rinvio della partita di ieri sera – non consentirà di poter recuperare agevolmente il match con la Sampdoria. Proprio per questo motivo, come raccontato da La Gazzetta dello Sport, Marotta nelle ultime 24 ore ha chiamato tutto il mondo dello sport e della politica, dal ministro della Salute Roberto Speranza al governatore della Lombardia Attilio Fontana, fino al presidente del Coni Giovanni Malagò.

L’obiettivo del club nerazzurro era quello di giocare regolarmente ieri sera contro la Samp, procedendo all’incontro a porte chiuse: un’ipotesi che non è mai stata presa in considerazione dal governo nel decreto legge di sabato sera. Una scelta che avrebbe evitato di complicare un calendario che – qualora il cammino di Lukaku e compagni dovesse procedere fino alle finali di Coppa Italia ed Europa League – offrirebbe da qui a fine campionato un solo mercoledì libero per i nerazzurri, ovvero il 20 maggio, quattro giorni prima dell’ultima giornata di Serie A.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Moratti: “In ottime mani con Zhang”. E lui: “Non la deluderemo”. Inter-Ludogorets a porte chiuse

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy