Nuovo stadio, continua il tira e molla tra le milanesi e il comune. Sala: “Nessun atteggiamento provocatorio, ma serve…”

Nuovo stadio, continua il tira e molla tra le milanesi e il comune. Sala: “Nessun atteggiamento provocatorio, ma serve…”

Il sindaco Sala si esprime nuovamente sulla questione stadio spiegando il perché delle complicazioni e dell’allungamento dei tempi

di Luca Zuaro

Dopo un’estate in cui sembrava tutto pronto e predisposto all’inizio dei lavori per il nuovo stadio di Inter e Milan, la situazione sembra essersi fatta più difficile. Si è regrediti in una situazione di totale stallo per le varie questioni che si stanno creando tra le squadre e il comune di Milano.

Sembrava che si fosse arrivati al punto in cui l’unica scelta da fare era quella tra il progetto presentato da Populous e quello di Manica; la situazione invece si è nuovamente complicata. Inizialmente il problema sembrava essere incentrato su San Siro, in quanto non è stato considerato giusto abbatterlo senza provare a dargli una nuova funzione. Successivamente è nato il problema delle volumetrie dello stadio che non rispetterebbero, a detta degli addetti ai lavori, le misure previste dal piano di governo del territorio. Ciò implicherebbe una rivisitazione totale del masterplan presentato già ad inizio luglio ed inevitabilmente allungherebbe, e non di poco, i tempi. Alla luce di questo sarebbe anche stata proposto lo spostamento del nuovo stadio nel quartiere di Sesto San Giovanni, con conseguente riqualifica dei dintorni; opzione accettabile, ma non di buon grado, dal comune.

Pare dunque che non esista una possibilità di realizzare i progetti già presentati in collaborazione tra i due club: o la scelta ricade su un altro quartiere che non sia San Siro o, se la volontà di rimanere nel quartiere storico del calcio milanese permane, bisogna completamente rivedere il progetto in quanto il piano volumetrico non rispetta lo spazio che il comune metterebbe a disposizione. Sembra essere in atto una vera politica di sbarramento da parte del comune: mentre i due club si mostrano pronti a rivedere in parte i propri progetti riadattandoli alle esigenze comunali, dall’altra parte non c’è questa disponibilità con una continua bocciatura delle proposte presentate dalle due società.

A proposito di ciò, a seguito anche di alcune critiche ricevute, ha parlato pubblicamente il sindaco di Milano Sala, le cui parole sono state riportate anche su La Gazzetta dello Sport: “Il nostro atteggiamento è tutto meno che provocatorio, trattiamo le due squadre come un qualsiasi imprenditore che propone un’iniziativa immobiliare su Milano […] Non penso che la trattativa parta in salita. Ovviamente, come tutte le cose complesse, merita tempo e attenzione. Se il tema è lo stadio, si potrà andare avanti. Noi abbiamo fatto la nostra parte, vedremo quali saranno le reazioni. Io sono abbastanza ottimista sul prosieguo ma vedremo“.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Tutto su Inter-Verona: gol, highlights e pagelle. Mertens in pugno

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy