Ordine: “Dal Pino è un debuttante che si trovava a New York. La Lega ne esce con le ossa rotte”

Ordine: “Dal Pino è un debuttante che si trovava a New York. La Lega ne esce con le ossa rotte”

Dura reprimenda da parte del giornalista

di Antonio Siragusano

E’ evidente che le decisioni prese dalla Lega Serie A siano state sino a questo momento oggetto di numerose critiche. In molti hanno infatti puntato il dito contro la scelta di rinviare ben sei partite dell’ultimo turno con così poco preavviso rispetto al programma del calendario. Per ultimo, questa mattina, il giornalista Franco Ordine sulle frequenze di Radio Sportiva ha ricondotto la cattiva gestione della situazione alla poca esperienza del presidente della Lega, Paolo Dal Pino, che al momento dell’emergenza si trovava tra l’altro ben lontano dal paese italiano.

Queste le sue parole: “Da questa situazione la Lega ne esce con le ossa rotte, ma anche il Ministro Spadafora ci ha messo del suo. In più si è pagato lo scotto del presidente Dal Pino che è un debuttante e che in quel momento si trovava a New York: nel caso di Atalanta-Lazio non ha esercitato il suo ruolo lavandosene le mani, nel caso delle partite a porte chiuse invece ha esercitato il suo ruolo e le ha tutte rinviate. Questo dimostra l’incapacità di gestire una situazione del genere a cui non è estranea nemmeno la Federcalcio. Il rischio clamoroso è quello di far pensare che tutto sia stato organizzato come un complotto megagalattico ordito dalla Juventus, invece bisogna riconoscere che la Lega ha cambiato decisione non solo per l’insistenza della Juve che non poteva perdere l’incasso, ma anche per il Milan che ha chiesto la stessa cosa e per la diffida del governatore del Friuli che non voleva aprire lo stadio”.


Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Marotta torna all’attacco: “Il campionato rischia il collasso”. Juventus-Inter, si gioca il 9 marzo?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy