Sassuolo-Inter, De Zerbi in conferenza: “Abbiamo cinque indisponibili, ecco chi sono”

Sassuolo-Inter, De Zerbi in conferenza: “Abbiamo cinque indisponibili, ecco chi sono”

Il tecnico neroverde presenta così la sfida di domani contro l’Inter

di Simone Frizza, @simon29_

Si ritorna finalmente in campo in Serie A, ed il lunch match della giornata che segue la sosta per le nazionali propone un interessante Sassuolo-Inter. Entrambe le squadre arrivano da due sconfitte consecutive, anche se per i nerazzurri una di esse è arrivata in Champions League. Roberto De Zerbi, tecnico dei neroverdi, ha presentato la sfida in conferenza. Le sue parole.

Condizione – «Sono state delle settimane particolari. Sappiamo cosa è successo al nostro patron e ci dispiace molto. Siamo ripartiti. Ci siamo allenati bene. C’è stata la sosta, torniamo in campo dopo tanti giorni. Abbiamo perso dei giocatori per problemi fisici e siamo pronti per giocare. Bruciano le ultime due sconfitte, abbiamo voglia di rifarci, vogliamo tornato ad essere la squadra vista contro la Samp e la SPAL».

Inter – «È una squadra forte e lo ha dimostrato contro il Barcellona e la Juventus. Questo campionato è diverso, è equilibrato. Il livello di difficoltà delle partite è alto, non ci sono partite facile e lo dimostrano le squadre che sono salite dalla B, hanno coraggio, giocano. Incontrare l’Inter è diverso chiaramente ma non saremmo stati meno attenti nella preparazione con un’altra squadra».

Indisponibili –«Da Pegolo, che si è fatto male dopo l’Atalanta, a Ferrari che già a Brescia era in dubbio. Chiriches, Mazzitelli, Bourabia. La squadra però è forte al di là delle mancanze, abbiamo una rosa ampia. Anche le altre squadre hanno assenze. Dispiace perché preferisco fare scelte a organico completo. A volte devo farle per necessità. Chiriches starà fermo tanto, si è fatto male anche Ferrari e si va ad aggiungere a Rogerio che è già fermo da tanto».

Djuricic – «Sarebbe stato a disposizione per la prima volta a Brescia perché aveva un problema al collaterale. Dal secondo giorno di ritiro in poi non l’ho mai visto. Ora sta bene e lo sto prendendo in esame per farlo giocare domani dall’inizio. Domani viene convocato Piccinini, un ragazzino del 2002, un difensore centrale».

Pressione – «Siamo la bestia nera dell’Inter? Sappiamo che abbiamo fatto spesso bene con loro ma il rispetto dell’avversario rimane intatto. Non penso che abbiamo pressioni perché le pressioni uno dovrebbe averle sempre. Le pressioni devono esserci anche dopo le vittorie. Sappiamo bene chi siamo, nel senso che abbiamo cambiato tanto quest’anno. Sappiamo che tanti giocatori sono arrivati a ritiro iniziato e il percorso per trovare una quadra finale non è facile e immediato ma sappiamo che la squadra è forte e può recitare un ruolo importante in campionato, non so quale, ma sulla forza della squadra non ho dubbi e un inizio non brillantissimo non mi sposta il pensiero».

Dove intervenire – «Nell’ultima sconfitta con l’Atalanta fai anche fatica a mettere in sequenza gli aspetti da migliorare. Uno deve capire che questa è una squadra che ha ha sbagliato completamente le partite contro Parma e Atalanta, a Roma in alcuni versi è andata male ma abbiamo fatto anche delle cose alla grande. Le altre le abbiamo giocate bene. Con Samp e SPAL abbiamo giocato in maniera strepitosa. La Samp era in difficoltà, dopo. All’inizio nessuno pensava che potesse avere questo avvio, la SPAL invece veniva dalla vittoria con la Lazio. Alterniamo troppo: delle prestazioni favolose con nette vittorie, delle altre dove non ci siamo salvati in niente, altre dove abbiamo fatto qualcosa. La motivazione ti spinge tutto il resto, ti sposta la lancetta da una parte e dall’altra, tattica e fisico sono cose secondarie. Se giochi bene l’aspetto mentale non varia».

Tipologia di partita – «L’atteggiamento dell’inter non lo determiniamo noi, così come noi determiniamo il nostro. Se vai a prenderli alti puoi prenderli come puoi andare a vuoto. Mi aspetto un’Inter convinta di giocare e fare la partita ma noi dobbiamo pensare a quello che dobbiamo fare noi. Siamo inferiori all’Inter ma non sempre chi è inferiore ha la peggio».

Gerarchie nei trequartisti – «Qualora giocassimo col trequartista può farlo Defrel, Traoré, Boga, Djuricic o Locatelli, a seconda della partita, a seconda di quello che vedo. In 12-13 non si può giocare, qualcuno deve star fuori per forza».

Difficoltà nell’approccio – «Mi preoccupa il giusto. Non penso che in queste partite fossimo troppo giovani in campo. C’erano i giovani, probabilmente tanti nuovi assieme. Questo è il Sassuolo 2.0, non può essere la continuazione dell’anno scorso. E’ diverso ma mantenendo sempre la stessa idea. Dobbiamo migliorare sin da subito sotto l’aspetto dell’approccio. Io la metto un po’ sull’aspetto mentale».

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Parla Ibrahimovic! Il Flamengo insiste per Gabigol

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy