Serie A – Toni incendiati tra Marotta e De Laurentiis per i rientri dei calciatori interisti

Serie A – Toni incendiati tra Marotta e De Laurentiis per i rientri dei calciatori interisti

Il dirigente varesino ha risposto all’attacco del presidente del Napoli

di Antonio Siragusano

Se quella di ieri poteva essere un’occasione per abbassare i toni e venirsi incontro per una linea comune, presidenti e dirigenti che hanno partecipato in conference call l’hanno sprecata un’altra volta. Dopo il noto battibecco tra Lotito e Agnelli di pochi giorni fa, un’altra lite ha reso protagoniste le due diverse posizioni, rappresentate – stavolta – dall’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta ed il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis.

Ad attaccare è stato per primo il numero uno del club partenopeo, a sottolineare quanto non fosse da imprenditori accorti consentire a propri dipendenti il permesso di andare a raggiungere le famiglie all’estero, senza però citare sia Inter che Juventus. Marotta, come riferito dal Corriere dello Sport, sentendosi chiamato in causa, ha preso la parola e ha fatto notare che la decisione dell’Inter è stata dettata da un decreto del Governo e dalle norme emanate dalla Regione Lombardia, ma ha dato per scontato che quando si potranno riprendere gli allenamenti i calciatori nerazzurri saranno presenti.

Anche stavolta, il presidente della Lazio Claudio Lotito non ha risparmiato il proprio intervento in favore di De Laurentiis. Come loro, che vorrebbero proseguire il campionato a tutti i costi, la pensano sicuramente Roma e il Cagliari; mentre, sull’altro fronte, insieme ad Inter e Juventus, considerano la possibilità di poter annullare il campionato anche Sampdoria, Genoa, Brescia, Udinese, Torino, Bologna Sassuolo e Milan.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Le parole di Esposito e Cordoba, le ultime sull’Inter. Schelotto IN ESCLUSIVA a Passioneinter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy