Stramaccioni: “Moratti un grande, vincere allo Stadium fu magico”

Stramaccioni: “Moratti un grande, vincere allo Stadium fu magico”

L’ex alleantore prodigio della primavera nerazzurra, torna a parlare dell’Inter

di pietromagnani

Andrea Stramaccioni, reduce dalla complessa esperienza in Iran, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Calciomercato.com, parlando della propria visione del calcio e, soprattutto, della propria esperienza sulla panchina nerazzurra. “Strama” può vantare un primato che nessuno potrà mai levargli: essere il primo a violare lo Juventus Stadium in una partita ufficiale. Qualcosa che rese quella vittoria in trasferta a Torino, già di suo eccezionale, ancora più speciale: “Ricordo che alla vigilia Marotta ci punzecchiò un po’ sulle tre punte, fu una preparazione piuttosto tesa. Arrivammo però negli spogliatoi carichissimi e con la voglia di vincere. In quella squadra avevamo tanti campioni: Handanovic, Samuel, Cambiasso, Palacio, Milito… eravamo un grande gruppo. Quella fu una vittoria da Inter, da interisti, contro una Juventus quasi invincibile, allenata da Conte. Giocammo a viso aperto e alla fine la storia ci ha dato ragione. Una vittoria che vale il triplo”.

Stramaccioni ricorda anche con molto affetto Moratti, che lo lanciò nel grande calcio: “Massimo è stato un grande presidente, si sente nel calcio di oggi la mancanza di figure come lui. Ora è tutto troppo commerciale. Bastò una chiacchierata per convincerlo, nonostante la mia poca esperienza, a farmi diventare l’allenatore della prima squadra. Lui è un grande intenditore di calcio e gli devo moltissimo: mi ha permesso di vivere un sogno, di fare diventare allenare la mia principale professione”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Anche Dybala positivo, l’appello di Vecino al restare in casa. Sanchez, i numeri lo vedono lontano dall’Inter.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy