Thiago Motta si ritira: “Adesso voglio allenare. Rammarico? Non aver mai giocato una finale Champions”

Thiago Motta si ritira: “Adesso voglio allenare. Rammarico? Non aver mai giocato una finale Champions”

Il centrocampista naturalizzato italiano darà l’addio al calcio al termine della stagione

di Antonio Siragusano

Dopo una carriera giocata ad altissimi livelli e dopo aver vinto tanti trofei, Thiago Motta ha scelto di abbandonare il calcio all’età di 35 anni. Uno degli ultimi eroi dell’Inter del triplete rimasto ancora in attività, che tra pochi giorni disputerà la sua ultima partita della carriera con la maglia del Paris Saint-Germain. Intervistato dal quotidiano francese L’Equipe, l’ex nerazzurro ha raccontato le sensazioni che sta vivendo in queste ultime settimane e il suo obiettivo: “Allenare il Psg, un giorno”.

Qual è il tuo stato d’animo ora che si avvicinano le tue ultime partite e la fine della tua carriera?
“Lo vivo molto bene anche se sono un po’ triste di concludere la mia carriera. Se faccio un bilancio, è molto positivo, con bei ricordi. Ho parlato spesso con il presidente Al-Khelaïfi, con cui sono molto vicino, sul mio ritiro. Trovare l’anno scorso un accordo per il prolungamento di un anno e poi continuare fino al ritiro mi ha dato molta tranquillità. Anche se cambierò la mia vita, sono felice di farlo. So cosa posso trovare per il mio futuro”.

Avevi paura del tuo futuro dopo la fine della carriera da calciatore?
“Sì, a ventotto, ventinove anni, ho iniziato a pensare a cosa avrei fatto alla fine. Sapevo e capivo abbastanza velocemente che volevo allenare, ma non sapevo dove o come. Né se dovesse accadere subito o se dovessi aspettare o anche fare qualcos’altro”.

Si dice che sia una piccola morte per un atleta interrompere la sua carriera. Questa incertezza ti ha preoccupato?
“Devo avere il controllo, altrimenti… Ci sono situazioni in cui non puoi fare nulla, altre in cui devi agire. Ma preferisco essere padrone delle cose”.

Non conti le partite rimanenti …
“No, perché sono felice di tutto ciò che ho fatto. Dopo di ciò, mi dispiace non aver mai giocato una finale di Champions League (l’ha vinta due volte con Barcellona e Inter, ma senza giocare in finale, ndr). Pensavo che quest’anno fosse quello buono, ma… Se analizzo la mia carriera nel complesso, ho fatto tutto. Ho molte esperienze positive e altre meno. Nella sua testa, un giocatore vuole sempre continuare, ma bisogna sapere quando fermarsi al momento giusto. E, per me, è così”.

Anche il tuo corpo ti ha detto di smettere?
“A questo livello non potevo continuare. Guardo i miei compagni di squadra, specialmente i più giovani, sento la differenza. Posso portare altre cose, ma più da protagonista. E non so se lo sosterrei, in ogni caso non voglio essere in secondo piano”.

Sabato contro il Rennes, per la tua ultima partita al Parco dei Principi, il club ti renderà omaggio …
“Sto già pensando alla finale della Coupe de France questo martedì sera, che spero di giocare. Questo è l’ultimo trofeo della stagione, dobbiamo vincere per finire bene, ancora di più considerando l’avversario. Lo rispettiamo molto, ma è il PSG che ha tutto da perdere”.

Non ti piacciono i tributi …
“Non troppo. Mi piacciono le cose semplici, dopo aver capito che il club vuole farlo, sono felice perché è un segno di riconoscimento. Ma non sono io a volerlo. Preferirei giocare l’ultimo incontro, salutare le persone e andarmene “.

Sei stato infortunato a lungo, è stato l’anno di troppo?
“No, ma è vero che non mi aspettavo di vivere una stagione come questa. Ho anche iniziato molto bene, giocando tutti i match. Andavo molto bene, come l’intera squadra. Abbiamo avuto entusiasmo e ho ritenuto che fosse un buon anno. Poi è arrivato il mio infortunio al menisco a Montpellier (0-0, 23 settembre). C’era un prima e un dopo. Ma c’erano anche altre cose…”.

LEGGI ANCHE — Ausilio: “Il rinnovo di Spalletti è una cosa mediatica. Siamo felici del suo lavoro”

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

GAGLIARDINI SCALPITA PER TORNARE: ECCO IL SUO ALLENAMENTO SUI CAMPI DELLA PINETINA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy