Thuram: “Chi comanda non considera grave il razzismo. Prossimo step? Stop alle gare”

Thuram: “Chi comanda non considera grave il razzismo. Prossimo step? Stop alle gare”

Le parole dell’ex bandiera francese sul problema razzismo in Italia dopo l’episodio di Cagliari

di Davide Ricci, @davide_r22

Il problema razzismo sui campi di calcio italiani, e l’episodio di Cagliari con protagonista la curva sarda contro l’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku ha aperto nuovamente forti discussioni sul tema. Ai microfoni del Corriere dello Sport, ha parlato l’ex bandiera di Juventus Francese Lilian Thuram del problema razzismo in Italia:

COMPLICITA’ – “Il pubblico italiano non impara perché si parla ma alla fine non si fa nulla. Se non viene fatto nulla si permette a certa gente di continuare a farlo. Chi comanda evidentemente non considera grave il razzismo. Chi non fa niente significa che è d’accordo con i “buu”. In Francia gli arbitri sospendono le gare ed è un segnale molto forte, non mi sembra che in Italia ci sia stata una presa di posizione così”.

I CLUB – “Devono sentirsi responsabili, e sentirsi colpevoli è già un buon inizio. Quando si parla di razzismo bisogna essere consapevoli che non è razzista il tifoso, ma la persona italia, francese, europea ed in generale bianca. Da anni si parla di questo problema ma non è stato ancora risolto, significa che c’è ipocrisia, come l’allenatore dello United sul caso Pogba”.

IL PROBLEMA IN ITALIA – “Per un italiano è difficile ammettere di essere razzista, non è facile vedere una cosa così quando si è emotivamente coinvolto. Se mi è mai capitato quando ero in Italia? Sì, ma qualunque persona nera almeno una volta ha avuto problemi con un razzista. Non è solo il mondo del calcio ad essere così”.

LUKAKU – “Non lo conosco ma mi hanno detto cosa gli hanno scritto sui social e sono d’accordo. E’ positivo che i neri parlino tra di loro per trovare una soluzione: è importante capire che i bianchi cercano di essere superiori ma se lo dimostrano facendo “buu”, significa che soffrono di complessi d’inferiorità”.


Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già 1586 interisti!

GdS – Dopo Lukaku, cambio di passo sui “buuu” allo stadio: si indagherà anche sugli ululati “segnalati”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy