Veron: “Lautaro uno dei più promettenti. Icardi? Spero possa chiarire con l’Inter”

Veron: “Lautaro uno dei più promettenti. Icardi? Spero possa chiarire con l’Inter”

Il doppio ex di Inter e Lazio ha parlato in un’intervista a La Gazzetta dello Sport

di Simone Frizza, @simon29_

A poche ore dal big match di questa sera tra Inter e Lazio a La Gazzetta dello Sport ha parlato un doppio ex della sfida quale Juan Sebastian Veron. Calciatore straordinario che ha vinto tanto con entrambe le maglie, ha affrontato diversi temi di attualità nella sua intervista. Ecco le sue parole.

PARTITA SPECIALE – “Sì, sono due squadre a cui sono molto legato, sarà emozionante tornare a San Siro per una partita così. Ho trascorso anni bellissimi a Milano, così come quelli passati a Roma. Spero di essere applaudito da tutti. Credo di aver lasciato un bel ricordo, quando vinci succede. Sono stato trattato bene dalla gente e dai club, con due grandissimi presidenti come Cragnotti e Moratti che mi hanno fatto sentire a casa”.

SPAREGGIO CHAMPIONS – “Le due squadre sono lì, lottano per i primi 4 posti: in queste partite devi confermarti, non puoi sbagliare. Poi si gioca a San Siro…”.

SAN SIRO DEMOLITO – “Il Meazza è la storia, ma io farei un nuovo stadio. Il calcio italiano ha bisogno di nuove strutture, si deve modernizzare e questo può essere un inizio importante. Bisogna scommettere nel futuro, l’Inghilterra l’ha fatto: la Serie A si è fermata alla storia. Ha lasciato stare le strutture, le metodologie, il modo di giocare”.

SPALLETTI E INZAGHI – “Inzaghi-giocatore non sembrava adatto a fare l’allenatore, era difficile immaginarlo in panchina, era un “bambolaccio”, un ragazzaccio. Diego Simeone aveva il carattere dell’allenatore, ma lui no. Spalletti e Simone fanno giocare bene le squadre, tengono il gruppo, hanno personalità, si vede che dietro c’è tanto lavoro”.

LAUTARO E ICARDI OUT – “Lautaro è uno degli attaccanti argentini di maggiore prospettiva. Sta facendo bene, deve ancora imparare e deve ancora sbagliare: con gli errori uno si forma come giocatore. Di Icardi parlo da spettatore: io dico che tutti abbiamo avuto momenti difficili e problemi con le società. Ma ho sempre ritenuto che il giocatore deve mettere davanti la squadra, il club, il rispetto. Mi dispiace perché sembra di essere a un punto di non ritorno. Mauro è un ragazzo che ha fatto molto bene a Milano e può dare ancora molto, e l’Inter non meritava di finire in questa situazione. Spero che possano ritrovarsi e mettere a posto tutto”.

CORREA – “È cresciuto nell’Estudiantes: ha qualità e grande voglia di imparare. Gli ho detto che la A è importante perché, come è successo a me, ti dà sostanza per essere un vero giocatore”.

CONSIGLIO PER GLI ACQUISTI – “Abbiamo diversi giocatori interessanti, se guardo in casa Estudiantes dico Matias Pellegrini, un’ala sinistra del 2000, cresciuto nel nostro club. Però dovrei parlarne con i dirigenti dell’Inter…”.

GdS – Icardi, il retroscena sul mancato discorso alla squadra: “Non devo dire nulla”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy