Viareggio – Schirò: “Eravamo i vincitori dell’anno scorso e volevamo ripeterci”. Nolan: “È mancato solo il gol”

Viareggio – Schirò: “Eravamo i vincitori dell’anno scorso e volevamo ripeterci”. Nolan: “È mancato solo il gol”

La primavera nerazzurra esce ai quarti di finale della competizione, dopo il 3-0 del Bruges

di Paolo Messina

L’Inter Under 19 esce sconfitta dai quarti di finale del Viareggio Cup. Il prestigioso torneo, che aveva visto vittoriosi i nerazzurri di Mister Vecchi nella passata edizione, ha condannato la formazione milanese a subire un pesante 3-0 dal Bruges. La squadra belga, dopo aver eliminato il Milan, riesce a battere anche i milanesi.

A fine partita, Rai Sport ha intervistato due protagonisti della gara. Questa l’opinione di Schirò: “Abbiamo una squadra con molti giocatori in meno tra infortunati e nazionali, non abbiamo neanche che sette cambi.  Abbiamo cercato di fare il possibile, ma siamo stati anche sfortunati. Eravamo i vincitori dell’anno scorso e volevamo ripeterci e vincere anche quest’anno. Adesso noi daremo tutto per il campionato e per vincere nel secondo anno consecutivo.”

In seconda battuta, ai microfoni della tv di stato è passato anche Nolan: “Abbiamo iniziato la partita male, subendo  – ha dichiarato il calciatore – il primo gol subito. Il secondo tempo, invece, siamo partiti bene. Dopo il secondo gol è normale che la squadra è andata giù. Abbiamo fatto un buon secondo tempo. Non riuscivamo a pressare bene nel primo tempo, ma nel secondo abbiamo tenuto più la palla noi. Ci è mancato il gol. Nel primo tempo loro hanno giocato molto bene, sono abbastanza grossi e giocano bene la palla. Noi abbiamo provato a mettere più cross in mezzo ma non abbiamo trovato la rete. In campionato, adesso, abbiamo vinto molte partite, adesso abbiamo l?’mpoli e dobbiamo vincere. Madonna è un miste molto bravo.”

Nainggolan: “A Cagliari sono diventato uomo, sarà per sempre casa mia. Qua a Milano ho ricevuto tante critiche, ma ora voglio…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy