Zanetti: “Un orgoglio essere capitano dell’Inter, non potevo chiedere di più. Lavoriamo per altri traguardi”

Zanetti: “Un orgoglio essere capitano dell’Inter, non potevo chiedere di più. Lavoriamo per altri traguardi”

L’ex capitano dell’Inter tra passato, presente e futuro

di Davide Ricci, @davide_r22

Una serata – il 22 maggio del 2010 – ed una stagione che tutti i tifosi dell’Inter non dimenticheranno mai. Il capitano nerazzurro Javier Zanetti ha alzato al cielo dopo 45 anni la Champions League e nelle due settimane precedenti anche Coppa Italia e campionato. L’ex capitano – ed ora dirigente – dell’Inter ha parlato ai microfoni di Rai Sport: “Quella sera rappresenta una serata indimenticabile. E’ stato un onore essere il capitano di quella squadra ed alzare un trofeo così importante dopo tanti anni. Quel giorno lì al Bernabeu facevo 700 partite con l’Inter, non potevo chiedere di più”.

EMOZIONI – “Sono state tutte importanti e tutte sentite, sapevamo che era la serata giusta. Siamo arrivati lì vincendo tanto prima ed eravamo al culmine di un ciclo. Di più non si poteva chiedere”.

PRESENTE – “Stiamo costruendo qualcosa di importante con un grande allenatore. Stiamo lavorando per tornare ad essere protagonisti in tutte le competizione e pensiamo di raggiungere altri traguardi”.


Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Milito e Zanetti nel giorno del decennale del Triplete: “Il gruppo è stato fondamentale, piazza Duomo era da pelle d’oca”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy