Ancora Steven Zhang: “Lukaku un idolo per i giovani. Razzismo? All’Inter non importa da dove vieni o qual è il tuo colore. Il futuro…”

Ancora Steven Zhang: “Lukaku un idolo per i giovani. Razzismo? All’Inter non importa da dove vieni o qual è il tuo colore. Il futuro…”

Il presidente nerazzurro ha parlato di marketing comunicativo e valorizzazione del brand in un intervento al FT Business of Football Summit

di Raffaele Caruso

Steven Zhang, numero uno dell’Inter, è intervenuto durante il FT Business of Football Summit per parlare delle strategie comunicative e della valorizzazione del bran da parte del club nerazzurro.

Ecco le parole riportate da Calcio&Finanza: “Per Suning la vendita al dettaglio era al centro del business. Abbiamo sempre lavorato analizzando quello che i consumatori vogliono. Ci siamo trasformati da azienda offline ad azienda in cui i oggi ricavi online superano quelli offline. Quello che facciamo con i club di calcio è provarli ad aiutarli nel targetizzare contenuti per le diverse aree. L’anno scorso abbiamo lavorato con City e Liverpool con una iniziativa di co-marketing nel black friday cinese, è stata una grande opportunità per vedere che tipo di prodotti vengono comprati o che tipo di contenuti le persone vogliono vedere. Facciamo eventi di beneficenza, molti club: ieri ad esempio il Real Madrid che ci ha dato le maglie del Clasico per metterle all’asta per raccogliere soldi per il coronavirus. Usiamo la nostra esperienza a livello digitale per portare club, leghe e giocatori vicini ai tifosi”.

Stare al passo con il tempo: “Oggi, in tutti i business, due temi sono importanti: globalizzazione e digitalizzazione. I nostri partner non sono più locali, vogliono approcciarsi a livello internazionale. Se pensiamo a 5 o 10 anni fa sembrava impossibile che oggi potessimo avere un team per Facebook o uno per Tik Tok, probabilmente non c’era nemmeno un social media team. È cambiata la tecnologia ma anche i nostri partner lo chiedono, anche per targetizzare i consumatori. Le partite durano solo 90’, ma dopo quelli cosa si può fare con tutti i consumatori? Oggi il 99,9% delle persone non guarda una partita per intero, vengono distratti da smartphone, social media, qualsiasi cosa. Come società, come possiamo tagliare il nostro lavoro e i nostri contenuti in base a questo e cosa possiamo fare per attirarli? È una delle più grandi sfide ma anche una grande opportunità”.

L’espansione sul mercato asiatico:Abbiamo comprato tanti giocatori dalla Premier League per agganciare i tifosi in Asia? Guardando alla Premier League, la cosa più interessante è quanto stanno facendo in termini di marketing e iniziative commerciali. Ma riguardo la scelta dei giocatori, la cosa importante è avere una squadra competitiva in campo, perché alla fine siamo una società di calcio. Al centro ci sono le partite, i risultati sportivi. Quando guardiamo ai giocatori non guardiamo a nazionalità o lega da cui provengono, ma le loro capacità sportive. Secondariamente, quello che apprezzo di più per giocatori come Lukaku o Young è che non sono solo bravi calciatori ma anche brave persone. In quanto club che usa molto i contenuti digitali, scegliamo anche idoli per le giovani generazioni. Valutare giocatori dalle capacità e anche dalla personalità per dare il giusto messaggio è importante per l’Inter. Per questo abbiamo scelto questi giocatori e pensiamo di aver fatto la scelta giusta, i risultati ci stanno dando ragione”. 

Puntare sempre in alto: “Come Inter il nostro target è lottare al livello più alto. In questo caso, investire nel mercato e scegliere i giusti giocatori è la chiave, ma dobbiamo sempre seguire le regole affinché il calcio sia sostenibile nel lungo termine. Per questo le capacità di marketing e commerciale sono fondamentali per crescere nel calcio di oggi”. 

Il tema del razzismo:Razzismo? Credo che l’educazione sia la strada più efficace per combattere il razzismo. Noi lo abbiamo scritto nel nostro nome, Internazionale, non importa da dove vieni, qual è il tuo colore, noi siamo uniti, anche il presidente viene dalla Cina. Crediamo che promuovendo queste campagne e educando le persone, soprattutto i più giovani, gli incidenti diminuiranno. Contro il razzismo quello che possiamo fare usare digital content per promuovere messaggio, educarli, è la cosa più importante per cambiare la realtà di oggi”. 

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Juventus-Inter, c’è l’annuncio UFFICIALE. Agnelli: “Ho grande rispetto per Zhang”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy