GdS – Serie A, cautela sul ritorno del campionato. I club chiedono la sospensione degli ingaggi

GdS – Serie A, cautela sul ritorno del campionato. I club chiedono la sospensione degli ingaggi

Le squadre sono pronti a riconoscere gli stipendi ai propri giocatori fino all’8 marzo

di Raffaele Caruso

L’assemblea che si è tenuta ieri tra i presidenti di Serie A non ha portato ad una decisione univoca sulla ripresa degli allenamenti: come riportato da La Gazzetta dello Sport, al momento ogni club resta autorizzato a portare avanti la propria linea.

La discussione principalmente ha riguardato il tema della sospensione degli stipendi, idea diventata prioritaria nell’elenco. Tutti hanno consapevolezza del momento, per questo anche ai calciatori verrà chiesto di contribuire al tentativo di contenimento dei danni. L’attività dei giocatori è ormai da giorni azzerata. Per cause che non dipendono dalle società ma da una forza maggiore. La proposta che i club hanno portato all’attenzione dell’AIC riguarda la sospensione degli ingaggi relativi ai giorni di inattività: fino all’8 marzo i giocatori sono stati impegnati, dunque verrebbero regolarmente pagati. Dal giorno successivo in poi e fino a quando le condizioni non permetteranno la ripresa: è su questo periodo che i club intendono calcolare un congelamento temporaneo dei versamenti.

I discorsi vanno avanti, come quello della sospensione del campionato, ipotesi già sul tavolo della trattativa tra Lega e Aic. Il sindacato dei calciatori ha mostrato la stessa consapevolezza del momento di grande difficoltà. Presto si entrerà nel merito della questione che vedrà coinvolti presidente e a.d. della Lega di A, Dal Pino e De Siervo, presidente e vice dell’Aic (Tommasi e Calcagno) e una rappresentanza della Figc.

 

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Calendario e ingaggi, la Serie A riflette. Aubameyang per il dopo Lautaro, Godin valuta l’addio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy