Inter-Juventus, che disastro Orsato! Solo bocciature per il fischietto veneto

Inter-Juventus, che disastro Orsato! Solo bocciature per il fischietto veneto

L’arbitro ha condizionato la sfida con le sue decisioni sbagliate e di conseguenza ha collezionato voti negativi da parte delle più importanti testate italiane

di giuseppinacitera

A vent’ anni di distanza dalla celebre sfida tra la Juventus e l’ Inter, passata alla storia per il rigore non concesso da Piero Ceccarini, per un fallo di Iuliano su Ronaldo, la storia si ripete. Nella sfida disputata ieri sera, infatti, l’arbitro Daniele Orsato, ha penalizzato i nerazzurri, quando ha espulso Vecino al 15’ per aver rifilato un pestone a Mandzukic.
Il direttore di gara inizialmente aveva fischiato il fallo con ammonizione, poi l’ha rivisto al Var e l’ha giudicato come un intervento con vigoria sproporzionata e ha estratto il rosso diretto. A questo si aggiungono anche alcune valutazioni non corrette: non aver ammonito Pjanic, in ben due circostanze, e sarebbe stato il secondo. E le mancate ammonizioni ai suoi compagni Cuadrado e Alex Sandro nella prima frazione di gioco. Nella ripresa non ha fischiato la spallata di Skriniar su Higuain.
In un tale scenario, non potevano essere positivi i voti delle più importanti testate sportive italiane. La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera hanno dato un 4 al fischietto veneto. I primi hanno giustificato così la scelta: “Per Vecino bastava il giallo in prima battuta”. Ancora più basso il voto del Corriere dello Sport, che ha dato un bel 3, con la seguente motivazione: “Partita horror. Dire che la condiziona è poco. Mancano cartellini gialli e le sue sviste sono colossali”. Tuttosport, invece, gli ha dato un 5: “Senza Var sarebbe stato 4 o peggio. L’errore più grave, la reiterata non espulsione di Pjanic“.

Leggi anche–> Spalletti: “Arbitraggio inadeguato: ci hanno imposto la sconfitta. Ho tolto Icardi perchè…”

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

LAUTARO MARTINEZ FA IMPAZZIRE L’ARGENTINA: ANCORA UNA VOLTA…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy