Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Le PAGELLE di Inter-Milan: Eriksen rinasce nella notte del derby! Barella non finisce mai, Kolarov e Vidal rimandati

Romelu Lukaku, Getty Images

I voti e giudizi assegnai ai protagonisti del derby di Coppa Italia

Antonio Siragusano

"HANDANOVIC 6 - Rimane fermo a guardare sulla conclusione vincente di Ibrahimovic, ma la traiettoria era davvero troppo angolata per poter fare qualcosa di diverso.

"SKRINIAR 6.5 - Molto lucido e intelligente nelle scelte contro la velocità di Leao che avrebbe potuto creargli difficoltà. E invece lo slovacco non lo soffre e si conferma nella stagione del riscatto.

"DE VRIJ 6.5 - Regge bene il duello fisico contro Ibrahimovic che spesso e volentieri cerca di colpire dalla sue parti. E sulla rete non è l'olandese a perdersi l'11 rossonero.

"KOLAROV 5.5 - Dopo un discreto inizio di gara, macchia la prestazione in occasione della rete rossonera. Cade alle finte di Ibrahimovic e concede all'attaccante lo spazio necessario per il tiro preciso. Si fa perdonare facendo espellere lo svedese su un'uscita palla al piede.

"DARMIAN 6 - L'Inter quest'oggi lavora bene su entrambe le fasce. L'ex Parma si trova soprattutto con Lukaku e gli serve un paio di palloni che diventano pericolosi, ma che il belga non valorizza al meglio.

--> 46' HAKIMI 6.5 - Entra benissimo l'esterno marocchino con le sue sfrecciate sulla corsia destra. Anche Theo Hernandez fatica a tenere il passo dell'ex compagno col quale è cresciuto al Real Madrid. Con lui in campo l'indice di pericolosità della squadra sale vertiginosamente.

"BARELLA 7 - Assoluto trascinatore anche quest'oggi nel centrocampo nerazzurro. Questa sera è davvero totale: recupera palloni con tanta corsa, supera gli avversari, si propone sempre in appoggio ai compagni e realizza diversi cambi di gioco che velocizzano la manovra della squadra, facendo vedere di essere dotato anche di buon piede. Anche quando non ne ha più sul finale, fa valere la sua caparbietà.

"BROZOVIC 6 - I compiti che gli assegna Conte oggi lo costringono ad essere meno vistoso per equilibrare le due manovre. Per poco sul finire del primo tempo non sfiora una rete al volo capolavoro.

--> 88' ERIKSEN 7.5 - A distanza di un anno, da quella punizione che quasi distrusse la traversa proprio in un derby contro il Milan, il danese trova una perla su calcio da fermo che regala la qualificazione all'Inter. Esultanza liberatoria ed abbraccio di tutta la squadra: che sia il presupposto per un nuovo inizio?

"VIDAL 5.5 - Si innervosisce sin dalle prime battute perché non riesce a dare ordine alle proprie idee. Cerca di giocare di prima, ma quasi mai è preciso. Nei pochi inserimenti di cui si rende protagonista è impreciso nella finalizzazione.

"PERISIC 6 - Conte lascia Hakimi ed Ashley Young dando fiducia al croato, reduce da una serie apparizioni in campionato poco brillanti. Stasera porta a casa un ottimo primo tempo in cui mette in difficoltà Saelemaekers e Dalot, peccato per il calo evidente nella ripresa che lo trasforma nel solito Perisic.

--> 67' LAUTARO 6 - Si batte sin dall'ingresso su ogni pallone e combina con Lukaku quasi a memoria, ma a sbarrare la strada della Lu-La c'è un Tatarusanu in grande spolvero.

"LUKAKU 6.5 - Spesso è costretto a trasformare in oro i palloni sporchi che gli arrivano nei pressi dell'area di rigore. Va detto che i compagni più volte lo mettono anche nelle condizioni di poter interrompere la sua astinenza da gol, ma Big-Rom si trova davanti un Tatarusanu in grande serata. Per fortuna si riscatta riaprendo la gara con la solita freddezza da killer dagli 11 metri alla ripresa. E che scintille nella lite furibonda con Ibrahimovic a fine primo tempo!

"SANCHEZ 6.5 - Quando il Niño Maravilla si trasforma in una scheggia impazzita può diventare davvero utile in questa squadra. Finalmente mostra di star bene dal punto di vista fisico e mette in difficoltà a turno i difensori rossoneri che a volte danno l'impressione di non stargli dietro. Bravo anche ad adattarsi nella posizione ormai consolidata da trequartista nel secondo tempo.