Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Radaelli (talent scout Racing): “Lautaro è felice all’Inter, per l’Argentina è la punta del decennio. Il Barcellona…”

Lautaro Martinez, Getty Images

Il Toro sta trascinando a suon di gol, assieme a Lukaku, l'Inter in campionato

Raffaele Caruso

"Fabio Radaelli, tecnico delle giovanili e talent scout del Racing Club, si è concesso ai microfoni di Tuttosport per parlare di Lautaro Martinez: "Destro, sinistro, controllo di palla, finta di corpo, abilità nel proteggere la sfera e nel far salire la squadra. Era impossibile non notarlo".

 Lautaro Martinez, Getty Images

"Doppietta nel derby: "I due gol contro il Milan nascono da movimenti che per me non sono assolutamente nuovi. Non è un caso che fosse libero di colpire di testa per l’1-0. Né che avesse fatto finta di partecipare all’azione, e che poi in realtà sia andato a concluderla con un tocco vincente, sul raddoppio".

"I primi passi al Racing: "Ha segnato subito, si è laureato capocannoniere nelle divisioni inferiori e successivamente è risultato immediatamente determinante per la prima squadra".

"Il retroscena di mercato con l'Atletico Madrid:"Era inserita una clausola da 9 milioni di euro, era molto legato al Racing e capì che il club poteva guadagnare di più. Rinnovò il contratto e alzò la clausola".

"Ora c'è l'Inter:"Come lo vedo? Benissimo. Può diventare senza dubbio il migliore del mondo nel suo ruolo. Per noi argentini è la punta del decennio. Con Lukaku ha un feeling incredibile, si intendono alla meraviglia. E' una delle coppie gol tra le più importanti del mondo. Si cercano, si aiutano, segnano e forniscono assist".

"Sul Barcellona: "In Spagna si staranno mangiando le mani. Non ho mai avuto dubbi sul suo comportamento all'Inter. E' un bravo ragazzo che ha sempre voluto far parlare il campo. Sicuramente arriverà dove vorrà. Lui è felice all'Inter, l'ho sentito qualche giorno fa, è al settimo cielo. Sostengo da sempre che l’Inter sia per lui un posto magnifico: la presenza di una istituzione come Javier Zanetti è molto importante per noi argentini".