Dimarco sulla vita in quarantena: “Mi alleno comunque, ma dedico molto tempo alla famiglia”

Dimarco sulla vita in quarantena: “Mi alleno comunque, ma dedico molto tempo alla famiglia”

L’ex terzino nerazzurro: “Mi manca uscire a cena, o fare una passeggiata: le cose più semplici”

di Simone Frizza, @simon29_

Intervistato dal Corriere di Verona, l’ex terzino dell’Inter Federico Dimarco, oggi all’Hellas Verona, ha spiegato come sta vivendo il periodo di quarantena, nel quale non manca comunque il tempo dedicato agli allenamenti. Ecco le sue parole

Quarantena – “Cerco di affrontare questi giorni con spirito positivo. Per fortuna ho con me la mia bellissima famiglia. Cerco di mantenere una certa routine anche in questa situazione: la mattina mi alleno e poi dedico il resto della giornata a mia figlia e a mia moglie: poter trascorrere così tanto tempo con loro è un dono prezioso”.

Allenamento a casa – “Il nostro preparatore atletico si informa giornalmente sul nostro stato di salute e ci manda un programma da seguire: sostanzialmente si tratta di una rotazione di attività aerobiche, di forza e di corsa. Per fortuna in casa ho tutto il necessario, anche un tapis roulant. Credo molto nell’importanza di mantenersi in forma in questo periodo, anche perché voglio farmi trovare pronto e dare un contributo importante alla squadra quando si ripartirà”.

Ritorno alla quotidianità – “Dai social e dalla TV mi rendo conto di come sia cambiata l’Italia: vedere un Paese vitale come il nostro in queste condizioni mette malinconia. C’è tanta voglia di ricominciare, e io non vedo l’ora di rivedere i miei compagni. Mi manca allenarmi, sentirmi calciatore, ma anche uscire a cena con mia moglie o passeggiare con mia figlia. Insomma, le cose più semplici”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Intervista ESCLUSIVA al giornalista Christian Falk. Lukaku risponde alle domande dei tifosi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy