Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

calciomercato inter

Dal Liverpool al Barcellona, così l’Inter l’ha spuntata nel 2018 per de Vrij: il doppio retroscena

Stefan De Vrij

A svelarlo ai microfoni di Liverpool Echo è Ian Atkins, scout, ex giocatore dell'Everton e amico di de Vrij

Raffaele Caruso

"Stefan de Vrij è, assieme a Skriniar e Bastoni, il pilastro difensivo dell'Inter di Antonio Conte. Dal suo arrivo a Milano, il difensore olandese si è subito imposto nella retroguardia nerazzurra, a suon di prestazioni da vero top player.

 De Vrij (@Getty Images)

"Un colpo di mercato straordinario, considerato che l'Inter lo ha ingaggiato nell'estate del 2018 a parametro zero dalla Lazio. Ma non solo, perché la dirigenza nerazzurra è riuscita ad anticipare la concorrenza di diversi top club europei.

"Secondo quanto riportato da Liverpool Echo, infatti, oltre al Barcellona, anche il Liverpool di Jurgen Klopp ha pensato seriamente a de Vrij, nella finestra invernale di mercato del 2018, prima di fare all-in totale su van Dijk, versando nelle casse del Southampton ben 84 milioni di euro.

"A rivelare questo retroscena di mercato è Ian Atkins, scout, ex giocatore dell'Everton e amico di de Vrij: "So che a un certo punto il Liverpool era molto interessato a lui.  Il contratto di Stefan con la Lazio stava per scadere, l'Inter era molto forte con lui e gli aveva offerto un contratto forte, ma poi è arrivato il Barcellona che lo ha contattato. Mi ha telefonato chiedendomi cosa avrei fatto al suo posto. Gli ho detto che non hai sempre la possibilità di andare a giocare per il Barcellona, ma che sarebbero stato uno dei tanti. Per questo gli ho detto di non farsi scappare l'Inter".

"Il retroscena con il Liverpool: "C'era un certo interesse a prendere anche Stefan, oltre van Dijk, ma non si è mai materializzato. Se il Liverpool avesse ingaggiato De Vrij e Van Dijk, avrebbe avuto la migliore coppia difensiva in Europa. Qualche anno prima lo consigliai anche all'Everton, ma con il promettente John Stones all'epoca c'era poco spazio per lui".