TS – Inter, le due anime di Suning: Steven Zhang cerca un partner, il padre Jindong spinge verso la cessione

La proprietà cinese è davanti ad un vero e proprio bivio

di Antonio Siragusano

Quella cessione che sembrava scontata fino a pochi giorni fa, è stata rimessa in dubbio dalle eccellenti prestazioni mostrate nell’ultimo periodo dall’Inter e dalla possibilità di poter alzare uno scudetto a undici anni di distanza dall’ultima volta. Un’impresa straordinaria che renderebbe orgoglioso il presidente Steven Zhang, immerso nel mondo nerazzurro sin dal primo giorno in cui ha messo piede a Milano. Non è un caso se prima del derby aveva sfiorato l’idea di rientrare in Italia per stare al fianco della squadra in quello che è stato uno snodo cruciale del campionato interista.

Conte Zhang Inter
Antonio Conte e Steven Zhang, Getty Images

Come riportato questa mattina sulle pagine di Tuttosport, infatti, il giovane rampollo di casa Suning si sta rendendo di protagonista di una vera e propria corsa contro il tempo che potrebbe portare a due soluzioni: la ricerca di un nuovo socio di minoranza che rilevi il 31,05% delle quote del club oggi nelle mani di LionRock Capital, oppure l’ottenimento di un prestito da 200 milioni di euro per rispettare tutte le scadenze di questa stagione.

Il principale ostacolo al sogno del presidente nerazzurro, che vorrebbe essere in prima fila qualora l’Inter al termine della stagione riuscisse a conquistare lo scudetto, è rappresentato dal padre Jindong Zhang. Il numero uno di Suning pochi giorni fa è stato chiarissimo, ordinando il taglio delle “attività irrilevanti” del proprio gruppo. Tra motivi economici legati al Covid-19 e il rispetto alle direttive sempre più stringenti sugli investimenti esteri ordinate dal governo cinese, Zhang senior non considera altre soluzioni se non la cessione dell’Inter ad altri fondi.

L’INTER RECUPERA SENSI: IL PUNTO SU BARELLA E SKRINIAR >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy