Paganin ricorda l’ultimo Inter-Borussia: “Ecco come lo battemmo 25 anni fa”

Paganin ricorda l’ultimo Inter-Borussia: “Ecco come lo battemmo 25 anni fa”

L’ultima volta che il Borussia Dortmund sfidò l’Inter venne eliminato ai quarti di finale di Coppa UEFA 25 anni fa

di Simone Tortoriello, @simonzibon
intervista paganin

Correva l’anno 1994, precisamente il 17 marzo, il Borussia Dortmund arriva a Milano per sfidare l’Inter nella gara valida per i quarti di finali di Coppa Uefa. 16 giorni prima i nerazzurri avevano espugnato il Westfalen Stadion vincendo 1-3 grazie alla doppietta di Jonk e il gol di Shalimov. A San Siro invece a vincere è il Borussia Dortmund per 1-2, ma il pass per le semifinali lo strappa l’Inter, che quell’anno arrivò fino in fondo, vincendo la Coppa UEFA in finale contro il Salisburgo.

Attraverso il sito ufficiale dell’Inter, Massimo Paganin ricorda quel magico anno e precisamente la doppia sfida con il Borussia Dortmund, che tra due giorni tornerà a San Siro per sfidare l’Inter di Conte. Ecco la sua intervista: “Avevamo difficoltà in Serie A, ma nelle Coppe era un’altra storia quell’anno. Siamo andati a Dortmund e ci siamo trovati davanti il famoso muro giallo. Allora come oggi i tifosi del Borussia erano un valore aggiunto. Non avevamo Dennis Bergkamp all’andata, ma anche i tedeschi avevano qualche problema di formazione. Eppure la loro era una formazione di primo livello, con molti elementi che avrebbero sollevato poi la Champions League nel 1997. In Germania giocavo titolare assieme a mio fratello Antonio. Dovevo presidiare la fascia sinistra, dove Reuter mi ha fatto sudare per tutto il match. Abbiamo vinto 3-1 con due gol di Jonk, il primo su mio assist. Wim era un giocatore importante, aveva costruzione e visione di gioco, sapeva inserirsi e calciare. Avanti 2-0 abbiamo subito il 2-1 e poi Igor Shalimov ha trovato il 3-1 in contropiede all’89”.

L’allenatore all’epoca era Giampiero Marini, subentrato a stagione in corso: “Era un ex compagno di squadra di Zenga, Ferri e Bergomi: si affidò alla vecchia guardia per uscire da una situazione un po’ complicata. Al ritorno andammo sotto 2-0 a San Siro, in un match confuso, ricco di occasioni da una parte e dall’altra. Ricordo un palo di Dennis Bergkamp e la liberazione per la rete di Manicone che di fatto ci diede la certezza di andare in semifinale. Anche in quel caso i tifosi tedeschi arrivarono a sostenere la loro squadra con grande calore, un classico”.

FINALE CON IL SALISBURGO – “Giocavo con grandissimi giocatori, modelli di riferimento e autentiche leggende della storia dell’Inter. E poi ho avuto la fortuna di sollevare la Coppa con mio fratello Antonio. Siamo gli unici fratelli nella storia del calcio ad aver sollevato lo stesso trofeo europeo. È stato un privilegio unico, quante possibilità ci sono nella vita di giocare nell’Inter col proprio fratello e di vincere una coppa così prestigiosa?”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

I Top&Flop di Sassuolo-Inter: che intesa Lautaro-Lukaku! Lazaro, è tempo di alzarsi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy