Mercato – Inter, il Chelsea offre Fabregas per arrivare a Brozovic

Mercato – Inter, il Chelsea offre Fabregas per arrivare a Brozovic

Il centrocampista potrebbe essere il giocatore giusto al quale affidare un ruolo di regia in mezzo al campo

fabregas milan

Il Chelsea è pronto a fare sul serio per Marcelo Brozovic. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, il club inglese sarebbe pronto ad offrire Cesc Fabregas all’Inter per arrivare al centrocampista croato. Intanto la Juventus resta alla finestra.

LO SCAMBIO – “I Blues hanno infatti messo sul piatto pure lo spagnolo Fabregas, centrocampista raffinato, 110 presenze nella nazionale spagnola, Arsenal e Barcellona (il club nel quale era cresciuto prima di scegliere i Gunners) prima del Chelsea per lui. Insomma, uno di quei giocatori di personalità che farebbero comodo all’Inter in questa fase di costruzione, a maggior ragione dopo aver visto ieri le difficoltà di Banega a interpretare un certo ruolo là in mezzo, in regia. Guadagna molto Cesc, ma su questo non ci sarebbero problemi per il Chelsea, che è disposto a contribuire con un conguaglio piuttosto importante. L’offerta sarebbe di qualche giorno fa, l’Inter ha preso tempo, ma ora il discorso potrebbe tornare d’attualità nonostante il tweet di ieri sera dello spagnolo: «Io e il tecnico abbiamo un ottimo rapporto, non mi ha mai detto di andare via, lotterò con questo club fino alla fine e ogni volta che sarò chiamato in causa»“.

JUVENTUS – “Occhio poi alla Juve, che è sempre lì, pronta a cogliere un segnale d’apertura da parte dei nerazzurri. Marotta ha pronti 20-25 milioni, ma non intende più esporsi dopo aver ricevuto il no della proprietà cinese, che di fatto non intende rinforzare nessuna delle potenziali concorrenti alla corsa Champions. Fra l’altro, anche l’a.d. della Juve ha un filo diretto con il Chelsea: Marotta vuole Cuadrado, ma Conte non molla il colombiano finché non gli prendono un sostituto“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy