ESCLUSIVA – El Kaddouri esalta Hakimi: “Inter, che colpo! E’ fra i top al mondo”. Nostalgia Italia: “Mi manca, un giorno…”

ESCLUSIVA – El Kaddouri esalta Hakimi: “Inter, che colpo! E’ fra i top al mondo”. Nostalgia Italia: “Mi manca, un giorno…”

Il centrocampista, oggi in forza al PAOK in Grecia, presenta il connazionale ai microfoni di Passioneinter.com: “E’ perfetto per il gioco di Conte”

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar

Ci siamo, oggi dovrebbe essere l’Hakimi-day: l’esterno in forza al Borussia Dortmund è atteso a Milano per le visite mediche e la firma del contratto, che lo legherà all’Inter a partire dalla prossima stagione.

La dirigenza nerazzurra sembra avere le idee chiare: il prossimo sarà il secondo anno di Conte sulla panchina della Beneamata e nessuno vuole nascondersi rispetto all’intento di dichiarare ‘guerra’ alla Juventus per lo Scudetto, ancor più di quanto già quest’anno abbiano provato (e stiano provando) a fare Lukaku e compagni.

La redazione di Passioneinter.com ha contattato Omar El Kaddouri per parlare del nuovo arrivo in casa Inter: l’ex Napoli, Torino ed Empoli infatti conosce bene Hakimi, essendo suo connazionale ed avendo condiviso con lui lo spogliatoio della nazionale del Marocco. El Kaddouri oggi ha 29 anni, dal 2017 gioca per il PAOK Salonicco in Grecia. Inevitabilmente, quando parla di Italia, il tono della voce cambia, diventando quasi nostalgicoNove stagioni in Serie A non si dimenticano. Il fatto che il suo agente sia italiano poi (Diego Tavano), ci fa scommettere che dopo l’esperienza greca valuterà attentamente eventuali chiamate provenienti dal Belpaese.

Omar, come stai? Come sta andando la ripresa del campionato in Grecia?

“Io sto bene, molto bene. Mi sento molto in forma sia fisicamente che mentalmente, al 100%! La mia esperienza in Grecia è andata in crescendo sotto questo punto di vista. La ripresa dopo l’emergenza è stata sicuramente un po’ strana, senza tifosi. Ma sono felice di aver ripreso il campionato e di essere tornato ad allenarmi. Questi ultimi mesi sono stati difficili”.

Della tua carriera fin qui, la maggior parte l’hai passata in Italia. Ti manca?

“Ovvio che mi manchi l’Italia. E’ parte di me. Mia moglie è italiana, i miei bambini sono per metà italiani, però qua sto bene, si vive bene a Salonicco, in Grecia. Poi certo, l’Italia rimane l’Italia, è nel mio cuore, appena posso ci torno, lo faccio spesso. Chissà, magari un giorno ci tornerò per viverci”.

In questi giorni si parla molto del tuo connazionale Achraf Hakimi. Cosa ne pensi di lui?

“Ho visto che sta per firmare per l’Inter. Secondo me è uno dei terzini più forti del mondo. Ha tutto: è tecnico, veloce, ha la mentalità giusta. Forse deve lavorare un po’ sull’aspetto tattico, ma all’Inter troverà Conte, l’allenatore perfetto sotto questo aspetto. Secondo me farà bene, è un grande colpo dell’Inter. Io l’ho conosciuto in nazionale, quando giocava al Real Madrid Castilla. Era giovanissimo, a 17-18 anni già lo convocarono. Spero e credo che farà una grande carriera perché è anche un bravo ragazzo”.

Come lo vedi in nerazzurro? Pensi sarà protagonista come lo è oggi in Germania?

“Penso proprio di sì, il 3-5-2 di Conte è il modulo perfetto per lui. Può giocare su entrambe le fasce. Secondo me può essere davvero un giocatore importante, lo ha dimostrato al Dortmund ed in parte al Real, anche se aveva meno spazio. In questa stagione ha fatto tanti gol è assist. E’ davvero tantissima ‘roba’! Ripeto: è un grande colpo di mercato”.

Con lui l’Inter può puntare con più convinzione allo Scudetto?

“Già quest’anno, fino a qualche partita fa, era lì sopra a lottare con la Juve, senza mollare niente. Poi un paio di risultati negativi l’ha un po’ bloccata. Ma già in questa stagione poteva essere una concorrente importante per i bianconeri. Ovvio poi che con Hakimi, che come dicevo prima reputo uno dei top al mondo del ruolo, l’Inter migliorerà tanto. Il prossimo sarà il secondo anno di Conte, i giocatori capiranno ancora meglio cosa vuole ed il suo modo di giocare. Sì, l’Inter punterà al primo posto”.

Se ti chiamasse Hakimi per chiederti della Serie A, cosa gli diresti?

“Gli consiglierei di andarci, assolutamente. Lui deve migliorare un po’ tatticamente e per un difensore non c’è paese migliore che l’Italia da questo punto di vista. E’ la scelta giusta, a Milano trova uno come Conte, in una delle migliori squadre d’Europa, che vuole vincere in italia e fare cose importanti in Champions. L’Italia ha avuto un calo gli scorsi anni, ma poi con l’arrivo di giocatori importanti come Cristiano Ronaldo, Ribery, sta tornando ai livelli che le competono”.

La redazione di Passioneinter.com ringrazia Achraf Hakimi per la disponibilità.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Le ultime in vista del Brescia: Brozovic tenta il recupero

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy