Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Accadde Oggi – 25 agosto 1941: nasce Angelo Domenghini, attaccante nella Grande Inter di Helenio Herrera

Vinse anche lo Scudetto col Cagliari e gli Europei con l'Italia

Lorenzo Della Savia

"La Coppa Italia vinta con la maglia dell'Atalanta nel 1962-1963, anzitutto: l'unica Coppa Italia della storia del club bergamasco, quella vinta sotto la guida tecnica di Paolo Tabanelli. Poi, la vittoria di due Scudetti, due Coppe Intercontinentali e una Coppa dei Campioni con la maglia dell'Inter, con la maglia della quale Angelo Domenghini ha giocato dal 1964 al 1969, saltando in corsa sulla scialuppa di quella che poi verrà ribattezzata la Grande Inter di Helenio Herrera. E ancora: gli Europei vinti nel 1968 con l'Italia, unico titolo continentale sin qui conquistato dagli Azzurri, con il ct Furio Valcareggi. E infine lo Scudetto vinto nel 1969-1970 col Cagliari, con il Filosofo Manlio Scopigno in panchina.

"Pare avere una sorta di specializzazione nel compimento di imprese sportive, Angelo Domenghini, classe 1941, che proprio oggi taglia il traguardo delle 79 candeline. Sì, perché bene o male, in occasione di diversi dei più rimarcabili miracoli calcistici degli anni Sessanta, lui c'era: e c'era da protagonista. Nella stagione della Coppa Italia, fu titolare dell'Atalanta. Stesso discorso per il ciclo vincente all'Inter e con la Nazionale e nell'anno dello Scudetto del Cagliari.

"Tra le fila della Grande Inter, Domenghini, ci arrivò con un attimo di ritardo. L'epopea della squadra di Herrera, infatti, cominciò nel 1963 con i primi trionfi (o nel 1962 se si vuol considerare l'intera annata 1962-1963, anche se all'inizio ancora non si poteva immaginare che quella sarebbe stata la Grande Inter), mentre Domenghini sarebbe arrivato nel 1964, trasferendosi proprio dall'Atalanta. Appena in tempo per vincere in Europa e nel mondo. A livello mondiale, tra l'altro, non va dimenticato il secondo posto ai Mondiali di Messico 1970. Un titolo iridato sfiorato, negato solo dal Brasile di Pelé. Che, obiettivamente, giocava un altro calcio.