Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

INTER NEWS

Condò: “Inter, questo scudetto vale un’impresa enorme. Marotta si conferma il miglior dirigente italiano”

Paolo Condò, Getty Images

L'esperto giornalista attribuisce i giusti meriti al traguardo che la formazione di Antonio Conte sta per raggiungere

Antonio Siragusano

Con il successo maturato ieri pomeriggio a San Siro contro l'Hellas Verona, l'Inter ha definitivamente messo il timbro sullo scudetto della Serie A 2020/21. Una vittoria che per la formazione nerazzurra potrebbe diventare aritmetica già nelle prossime due giornate, così da poter affrontare gli ultimi tre turni di campionato con maggiore serenità. Per sottolineare un'impresa destinata a rimanere nella storia, il noto giornalista Paolo Condò questa mattina sulle colonne de la Repubblica ha spiegato il vero significato di questa vittoria nerazzurra. Le sue parole:

SCUDETTO - "Anche se la partecipazione di Antonio Conte alle feste in campo dei suoi giocatori è diventata abituale, quella di ieri, dopo la nuova rete decisiva di Matteo Darmian, aveva qualcosa di definitivo. Sul fatto che l’Inter vincerà lo scudetto non è lecito dubitare da inizio aprile; ora non è nemmeno più questione di scaramanzia e di gufi, l’eterno corollario di un mondo che studia (male) complesse architetture finanziarie e organizzative ma al dunque recupera, e con gioia, gli aspetti più tribali della sua ragione d’essere. L’Inter ha ormai chiuso la serie di scudetti più lunga della storia italiana, i nove della Juventus, e basterebbe l’enormità della rivale spodestata per dare la corretta dimensione dell’impresa".

 Beppe Marotta, Getty Images

 SOCIETA' -"La repentina crisi della proprietà Suning ha aggiunto difficoltà collaterali, perché è evidente che Conte da una parte e i dirigenti in loco dall’altra si sono trovati a gestire una situazione potenzialmente esplosiva: se dalla squadra non è uscito all’esterno un lamento — che pure internamente ci sarà stato — il merito è loro. È anche per questo motivo che ieri ha colpito il disagio di Beppe Marotta, da tempo e per distacco il miglior dirigente italiano, nel tenere assieme la giusta diagnosi sul difficilissimo momento economico del calcio e la fuga in avanti chiaramente sbagliata della Superlega, il cui effetto è stato un avvelenamento dei pozzi dal quale chissà quando ci libereremo".

tutte le notizie di