Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Elkjaer: “Eriksen? L’Inter fa bene a costruire intorno a lui. Ma la squadra è troppo difensiva”

Christian Eriksen, Getty Images

L'ex attaccante danese ha giocato in Italia con la maglia del Verona

Antonio Siragusano

"Vecchia conoscenza del calcio italiano, Preben Elkjaer questa mattina è stato intervistato sulle pagine de La Gazzetta dello Sport per commentare il finalmente ritrovato Christian Eriksen. L'ex attaccante del Verona si è detto soprattutto sorpreso del fatto che il connazionale danese abbia impiegato un anno prima di far vedere le sue qualità e conquistarsi il centrocampo dell'Inter. Ma, come sottolineato dallo stesso ex calciatore, l'importante era che prima o poi venisse fuori. La sua intervista:

"Elkjaer, Eriksen vuole raggiungere Michael Laudrup a 37 gol in nazionale. Lei a 38 è nel mirino...

"Oggi ci sono molte più partite facili in cui segnare... Questo senza togliere nulla a Christian, che è l’orgoglio di tutti noi e rimarrà comunque nella storia della Danimarca".

 Eriksen, Getty Images

"È contento di come sia venuto fuori all’Inter?

"Più che altro stupito delle difficoltà iniziali: incredibile che non sia stato capito per così tanto tempo. Un anno è troppo per un giocatore di questo livello, ma sono fiero di lui: ha saputo soffrire, non si è arreso e ora è tornato al suo top. Pensavamo a una sua cessione, ma l’Inter fa bene a costruire attorno lui".

"Ma per lei a cosa sono dovute tutte queste difficoltà?

"Dico la verità: non è che mi piaccia tanto come gioca l’Inter. Troppo difensiva, fisica: le grandi devono andare all’attacco. A Eriksen in questo contesto cosa puoi chiedere? Non è uno che va in battaglia, deve dare respiro come fa adesso".

"Lo ha sentito nei momenti più bui?

"Ci conosciamo, magari l’ho consigliato, ma contava riuscire a dimostrare anche in Italia, un Paese a me così caro, la sua qualità. Ora spero che segni di più e che in futuro sia la sua Inter che le altre big italiane tornino protagoniste in Champions: l’Europa non può fare a meno di voi".

"E cosa dice dell’altro danese che sta brillando a Milano?

"Simon Kjaer è un 'difensore difensore', come cene sono pochi ormai. Uno di quelli che avrebbe ben figurato anche nella mia epoca: sa marcare, intervenire quando serve. Oggi vogliono che i centrali giochino soltanto la palla, ma con lui il Milan ha trovato solidità".

"È soddisfatto della stagione del suo Verona?

"Offensivo, coraggioso, con talenti come Zaccagni: mi piace! Vorrei però che il club non vendesse i migliori: Verona non è una piccola squadra, ma un top team. Peccato che adesso non ci siano i tifosi allo stadio: così il calcio è diverso per tutti, sopratutto per i giocatori".

"È capitato anche a lei....

"Sì, Juve-Verona, ottavi di Coppa Campioni 1985-86 a porte chiuse: atmosfera stranissima. Poi successe di tutto e, quando entrarono i carabinieri nel nostro spogliatoio, Bagnoli disse: “Se cercate i ladri, sono dall’altra parte...'".