Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

INTER NEWS

Gds – L’Inter e la crisi degli sponsor cinesi: quest’anno solo 3 milioni di euro

Gds – L’Inter e la crisi degli sponsor cinesi: quest’anno solo 3 milioni di euro - immagine 1
Una crisi dovuta agli effetti negativi della pandemia e alle scelte del governo cinese

Enrico Traini

L'onda cinese, che tante aspettative aveva generato nel mondo Inter, sembra essere sempre meno forte. La famiglia Zhang, seppur con non poche difficoltà e il prestito di Oaktree che incombe, è ancora alla guida del club nerazzurro. Ma le ombre sono sempre maggiori.

Suning Inter

Come riporta La Gazzetta dello Sport, rispetto al 2016, quando gli Zhang acquistarono l'Inter, il potere economico si è ridotto in modo molto sensibile. La cartina di tornasole è rappresentata dalla voce del bilancio del club legata alle sponsorizzazioni regionali provenienti dalla Cina. Questa era cresciuta fino a 97 milioni nel 2018-19, ma poi è crollata, fino ai 16 milioni della scorsa stagione.

Questo è dovuto principalmente allaa diffusione del Covid-19 e alle restrizioni imposte dal governo cinese sui capitali destinati all'estero. Ciò ha portato a interruzioni anticipate dei contratti con le agenzie cinesi Imedia e Beijing Yixinshijie, con conseguente svalutazione dei crediti.

Anche i contratti con la stessa Suning sono stati interrotti. L'Inter si basa ora solo su due sponsor minori per un corrispettivo totale di 3 milioni. La famiglia Zhang si trova in una situazione difficile e dovrà trovare nuovi modi per monetizzare e aumentare le entrate del club per continuare a competere a livello internazionale.

L'OPINIONE DI PASSIONE INTER

Il rapporto tra la famiglia Zhang e l'Inter non sta vivendo il suo periodo migliore. La situazione finanziaria dei nerazzurri è delicata, ma gli attuali proprietari non hanno intenzione di rinunciare al club, almeno per il momento.

L'incertezza e le difficoltà societarie, tuttavia, si ripercuotono anche sul campo, con la dirigenza costretta a lavorare con oculatezza e risorse limitate per costruire una rosa comunque competitiva. Un'operazione che, per ora, sta riuscendo, ma che potrebbe diventare sempre più complessa con il perpetrarsi di questa situazione.

tutte le notizie di