INTER INVESTCORP ZHANG

CdS: “Inter nel mirino di Investcorp e Ares Capital: cosa può succedere”

CdS: “Inter nel mirino di Investcorp e Ares Capital: cosa può succedere” - immagine 1
La società nerazzurra è di nuovo al centro di alcune voci

Alessio Murgida

L'Inter è di nuovo al centro di alcune voci sulla propria proprietà. Il Corriere dello Sport ha lanciato l'indiscrezione secondo cui il club nerazzurro sarebbe finito nel mirino di alcuni gruppi finanziari, precisamente Investcorp e AresCapital: "Nei giorni trascorsi dai dirigenti nerazzurri a New York, a fine maggio, si è parlato anche del futuro del club - scrive il quotidiano romano - Il ceo Alessandro Antonello, insieme al direttore ricavi Luca Danovaro, la direttrice Global Marketing & Parthnership Barbara Biggi e un rappresentante della banca d’affari Goldman Sachs, ha partecipato a una serie di eventi ufficiali: testimoni raccontano che nel corso di uno degli eventi pubblici, un membro del gruppo, rispondendo a una domanda, avrebbe commentato: «Chi non compra il Milan, compra l’Inter».

CdS: “Inter nel mirino di Investcorp e Ares Capital: cosa può succedere”- immagine 2

Non si sa se in quei giorni ci sono stati incontri nel cuore finanziario americano. E non è chiaro il tenore della frase pronunciata da uno dei membri del gruppo e ascoltata da persone presenti a uno dei due incontri pubblici. Ma da verifiche fatte dal Corriere dello Sport-Stadio risulta che l’Inter è nel mirino di gruppi finanziari, e tra questi ci sarebbero i due “bidders”, seguiti da Goldman Sachs, che avevano presentato un’offerta congiunta per il Milan di Elliott (poi ceduto a RedBird): Investcorp, società del Barhain e Ares Capital, holding americana".

Alla domanda su un interesse per l'Inter, "Investcorp ha risposto "No comment from us", nessun commento da parte nostra. Il portavoce dell’Inter non ha risposto a una nostra richiesta scritta. Da Ares, silenzio".

Successivamente, il quotidiano spiega in dettaglio le intenzioni di Investcorp di entrare nel mondo del calcio per sfidare i "cugini" proprietari di PSG, Manchester City e Newcastle. Lo stesso vale per Ares Capital: "L’Inter, per fascino e possibilità di sviluppo, come il nuovo stadio, rappresenta una possibilità, ma potrebbero esserci altre società nel mirino".