Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

L’ultimo giorno di mercato ma non solo: le notizie più importanti di oggi

Beppe Marotta (via Getty Images)

Il calciomercato si è ufficialmente chiuso: questo e non solo nell'articolo riassuntivo delle 20

Alessio Murgida

Si è ufficialmente chiuso il calciomercato qui in Italia, almeno quello in entrata. E proprio del mercato in entrata l'ad Marotta ha "mantenuto" le promesse: nessun colpo in questi ultimi giorni di mercato per l'Inter. Così è stato, ben diverso lo scenario invece per le cessioni che fino agli ultimi minuti hanno impegnato la società nerazzurra. Finito il mercato, l'Inter penserà ai rinnovi di Brozovic e Barella. Questo e non solo, nel consueto articolo riassuntivo delle 20.00.

 Eddie Salcedo (@Getty Images)

LE CESSIONI - Ieri vi avevamo parlato di Agoumé (al Brest in prestito) ed è anche arrivato il rinnovo fino al 2025 con l'Inter da parte del giovane centrocampista, di Colidio (che alla fine è andato in prestito con diritto di riscatto all'Austria Vienna) e di Eddie Salcedo. Il classe 2001 è stato uno dei tanti colpi all'ultimo minuto di questo mercato: l'attaccante era conteso tra Genoa e Cagliari, ma alla fine l'ha spuntata lo Spezia prendendo l'ex Verona in prestito dall'Inter.

 Marcelo Brozovic (@Getty Images)

I RINNOVI - Come riportato da La Gazzetta dello Sport, la società nerazzurra penserà ai rinnovi di Brozovic e Barella. Non prima però di aver portato a termine la questione di Lautaro Martinez: tra mercoledi e giovedì ci sarà l'incontro con l'agente Camaño per limare gli ultimi dettagli. A fine mese, invece, con i soldi di queste ultime cessioni, la dirigenza nerazzurra rinnoverà i contratti dei due pilastri della formazione di Inzaghi.

 Beppe Marotta, Steven Zhang ed Alessandro Antonello (Getty Images)

MISSIONE COMPLETATA - La dirigenza dell'Inter è riuscita a raggiungere gli obiettivi, di non bassa difficoltà, prefissati dalla proprietà: le direttive erano infatti di ridurre il monte ingaggi del 20% e di terminare il mercato con un attivo di almeno 70 milioni. Missione ampiamente compiuta, visto che, con le cessioni di Lukaku e Hakimi, il club ha chiuso il mercato, nonostante i sostituti, con un attivo di 120 milioni di euro. Con l'addio di Conte poi e di altri big, oltre che al ridimensionamento di diversi contratti piuttosto onerosi, il club è riuscito a centrare anche l'obbiettivo di ridurre considerevolmente il monte ingaggi.