Vidal: “Conte? Mi ha dato una svegliata quando sono arrivato. Ora sono al 100%, questo gruppo ha fame di vittorie”

Il centrocampista cileno racconta la grande voglia che lo ha spinto a tornare in Italia

di Antonio Siragusano

E’ vero, il miglior Vidal non si è ancora visto dall’arrivo di Re Artù all’Inter dalla scorsa estate. Eppure, la grinta del centrocampista cileno si è già imposta in diverse occasioni, nonostante nei match decisivi come quello giocato in Champions League a San Siro contro il Real Madrid abbia tradito il proprio allenatore con un rosso ingenuo dopo pochi minuti. L’impressione però è che la sua esperienza in mezzo al campo si farà sentire da qui in avanti, soprattutto per aiutare gran parte dei giovani compagni a maturare e fare il salto di qualità per riportare il club al tanto atteso successo. Ecco la sua intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport:

Arturo Vidal, Getty Images

LA STAGIONE – “Il momento più duro della stagione è stato l’eliminazione dalla Champions League, per me è un sogno vincerla. L’Inter ha un progetto giovane, ci sono giocatori giovani che hanno fame di vincere qualcosa e ci sono ancora due obiettivi due importanti in palio, dobbiamo fare il massimo. Scudetto non è una parola che ho paura di pronunciare. Ho vinto tanto in Italia, Spagna e Germania e so che vincere è l’obiettivo. Dobbiamo lavorare e pensare una partita alla volta e provare a vincere il campionato”.

SCUDETTO – “Lo scorso anno è stata vicina a vincere lo scudetto, ma hanno fatto errori dove non si può sbagliare. Dobbiamo essere attenti, dobbiamo far rendere tutti al massimo per arrivare allo scudetto”.

RIVALI – “I più pericolosi? La Juventus, hanno una squadra forte e hanno fiducia. Vincono da nove anni, hanno tutto per vincere ed essere i più forti. Ma noi abbiamo fiducia nel lavoro che stiamo facendo”.

JUVENTUS – “Sono stati quattro anni bellissimi, ho fatto buone cose. Ma adesso il futuro e la voglia di far qualcosa in Italia è con l’Inter. Mai avuti contatti con la Juventus di recente. Sempre parlavo con il mister, non solo per venire qua, ma anche prima quando era in un’altra squadra. Ho avuto questa opportunità ed ho accettato, volevo stare con lui per vincere insieme”.

RUOLO – “Prima giocavo più avanti, avevo più possibilità di far gol. Ora il gioco è diverso, gioco più indietro ma poco a poco arriverò a far gol”.

IMPATTO – “Dicono che il miglior Vidal non si sia ancora visto? E’ vero, non si è ancora visto niente. Ho fatto quello che vuole il mister, ho aiutato la squadra per farla maturare, ma manca il vero Vidal che in Italia già conoscono”.

Conte e Vidal, Getty Images

CONTE – “Avevo dimenticato un po’ come lavora lui, come fa. Sia al Bayern Monaco che al Barcellona si lavorava diversamente, sono arrivato qua e mi ha dato una svegliata. Ma sono contento, mi piace allenarmi bene, sono arrivato qua per dare il massimo ed essere un giocatore forte per vincere qualcosa. Se Conte è rimasto uguale? Secondo me lavora di più, qua fa di tutto. Alla Juve era più tranquillo”.

INTER – Sono stato sempre molto vicino, hanno fatto di tutto per portarmi qua. Prima non era il momento, ora lo è. Poi c’è il mister, sono qua per dare il massimo, tornerà il vero Vidal. Non ho avuto molto tempo per allenarmi bene perché sono arrivato tardi, ma adesso sto bene e sono al 100%. Cosa mi piace di più dell’Inter? Che c’è gente con tanta fame come me, giovani ma con voglia di dimostrare che sono forti”.

2021 – “Sarò felice se vincerò, fare il massimo, far vedere il vero Vidal. E spero i miei bambini siano felici anche”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy