Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Zazzaroni furioso: “Mai detto che l’Inter non avrebbe pagato la rata di Hakimi”. Poi perde le staffe con un ascoltatore

Ivan Zazzaroni

Il giornalista ha difeso le notizie pubblicate dal suo quotidiano

Antonio Siragusano

"Un Ivan Zazzaroni decisamente infastidito, questa mattina in diretta su Radio Deejay con Fabio Caressa ha parlato della famosa prima rata che l'Inter ha pagato lo scorso 31 marzo al Real Madrid per il trasferimento di Achraf Hakimi. Il direttore del Corriere dello Sport ha difeso il suo quotidiano sulla veridicità delle notizie diffuse nelle ultime settimane, compresa quella che riguardava il pagamento dell'esterno marocchino. In risposta alle accuse di un ascoltatore, però, Zazzaroni ha letteralmente perso le staffe, rivolgendosi con un termine poco elegante nei suoi confronti. Grazie all'intervento tempestivo di Caressa a placare gli animi, il giornalista si è successivamente scusato per essere andato fuori di senno per un istante.

 Achraf Hakimi, Getty Images

"Le sue parole: "Aspettavo Marotta al 31 marzo, infatti ha pagato. Io non ho mai detto che l'Inter non avrebbe pagato, altrimenti non gli davano la licenza. Io sarei in malafede? Ho dato la notizia il 3 di gennaio che Suning aveva messo in vendita l'Inter e poi l'hanno confermata tutti. Poi abbiamo raccontato i problemi di Suning, non dell'Inter. Quando è successo il casino Real-Hakimi l'abbiamo pubblicata naturalmente, Marotta ha detto che l'avrebbero pagata il 31 e quindi abbiamo aspettato il 31. Le altre non le hanno pagato, quella di Lukaku l'hanno posticipata a maggio se non sbaglio. Non era un augurio, non avrebbe dato la licenza l'Uefa altrimenti. Queste son tutte notizie certificate, non ci sono mai state smentite. Basta perché è Pasqua, io ho fatto i complimenti a Conte che resterà lo scudetto, ma sono pietrificato di fronte a quella che sta succedendo a Suning". E Zazzaroni poi si è rivolto ad un ascoltatore che lo accusa: "Degli stipendi lo ha scritto soltanto il Corriere dello Sport. Vedi che sei un co**ione? Chiedo scusa per la parola e buona Pasqua".