Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Zenga: “Scudetto nelle mani dell’Inter. Conte? Ti porta ad un livello superiore. Handanovic e l’erede…”

L'Uomo Ragno non ha dubbi: ""Il campionato non è finito ma è solo nelle mani dell’Inter"

Raffaele Caruso

"Walter Zenga, ex numero uno dell'Inter, si è concesso ai microfoni di Tuttosport per commentare la stagione dell'Inter e fare il punto sui temi più caldi del campionato di Serie A.

 Esultanza, Getty Images

"Ecco le sue parole sulla lotta scudetto: "Il campionato non è finito ma è solo nelle mani dell’Inter, è evidente. La vittoria di Firenze dice che il Milan c’è ancora. I periodi no capitano a tutte le squadre. All’Inter è successo con l’eliminazione della Champions League. Il Milan ha pagato gli infortuni, l’assenza di Ibrahimovic, il peso del giocare il giovedì in Europa".

"Su Conte:"Se vai indietro di tre mesi, con la doppia eliminazione da Champions ed Europa League, Conte era il più scarso di tutti. Eppure sono passati solo tre mesi. Un allenatore vince anche quando costruisce un gruppo, se costruisci una mentalità. Uno come Antonio lo vedo vincente non perché alza un trofeo ma perché porta la società a un livello superiore".

"Lukaku vs Icardi:"I giocatori quando hanno la fiducia del loro allenatore, quando sono in fiducia rendono al massimo. Un allenatore è bravo quando migliora la qualità tecnica di un giocatore con la tattica. Poi è sempre il cuore e l’anima del giocatore che fa la differenza in campo. Icardi la sua media gol l’ha sempre mantenuta, critiche o no. E poi anche all’inizio c’era chi criticava Lukaku. Siamo sempre legati ai gol, se segni sei bravissimo, se non segni sei da mandare via".

"Handanovic e il suo erede:"Il suo rendimento è sempre stato medio-alto, un rendimento che si addice a un portiere di una squadra titolata e con una grande storia di portieri come l’Inter. Il suo successore? Musso sta avendo continuità, Conosco bene Gollini, mi piace molto Meret, sono strafelice che Cragno continui a crescere. A livello di portieri in Italia siamo ben messi, c’è l’imbarazzo della scelta".