Manchester United-Inter, Candreva (Inter TV): “Buon test, ma loro sono più avanti. Con il mister stiamo facendo…”

Manchester United-Inter, Candreva (Inter TV): “Buon test, ma loro sono più avanti. Con il mister stiamo facendo…”

L’esterno nerazzurro è stato rilanciato da Conte

di Antonio Siragusano

Tra gli obiettivi messi in chiaro da Antonio Conte sin dal primo giorno di Inter, il recupero di un calciatore importante sulla fascia come Antonio Candreva era senza dubbio tra quelli prioritari. Difatti, su due test pre-stagione già disputati, l’esterno italiano ha ottenuto per ben due volte il posto da titolare sulla corsia di destra, battendo nella prima uscita contro il Lugano il neo acquisto Valentino Lazaro nel ballottaggio tra i due- ovviamente prima che l’austriaco si infortunasse. Anche oggi, per Candreva è stata una grande partita di corsa e sacrificio, contro un avversario fisicamente messo meglio grazie a qualche allenamento in più sulle gambe rispetto ai nerazzurri.

Intervenuto ai microfoni di Inter TV, ecco l’analisi dell’ex Lazio a fine partita: “C’è sempre qualcosa da migliorare, siamo qua per farlo. Abbiamo pochi giorni di preparazione sulle gambe, giorni duri perché abbiamo lavorato bene ma dobbiamo abituarci a soffrire. Siamo stati compatti fino al gol, anche noi abbiamo avuto le nostre opportunità e con un po’ di lucidità in più avremmo fatto di più. Ma siamo fiduciosi. Ci siamo allungati un po’ per la stanchezza, loro sono un po’ più avanti, ma abbiamo fatto un bel test. Ora studieremo le cose da migliorare e correggere. Derby d’Italia? Importante, ma dobbiamo lavorare su noi stessi per farci trovare pronti in campionato. Cambi di modulo? Ci stanno, il mister lavora così e abbiamo fatto dei passi in avanti”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 1.000 interisti!

Manchester United-Inter, Conte (Inter TV): “Base importante e spirito positivo. Ma ci sono cose su cui bisogna migliorare”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy