Verso Albania-Italia: Panucci e quell’incrocio all’Inter con Lippi, ct dei campioni del mondo

Verso Albania-Italia: Panucci e quell’incrocio all’Inter con Lippi, ct dei campioni del mondo

L’allenatore della selezione albanese ha giocato una stagione nei nerazzurri

di Donato Cerullo, @donatocerullo

Gli incroci in Nazionale sono dietro l’angolo. Il caso ha voluto che l’Italia nell’ultima partita prima degli spareggi incontrasse l’Albania, allenata da Christian Panucci: il 17 novembre 2007, grazie a un suo gol di testa nei minuti finali della gara giocata a Glasgow con la Scozia, la Nazionale italiana si qualificò all’Europeo 2008 di Austria e Svizzera.

Alla guida degli Azzurri c’era Roberto Donadoni, ex compagno di Panucci al Milan, che chiamò il difensore di Savona con la selezione italiana dopo il litigio all’Inter con Lippi, tecnico della squadra campione del mondo nel 2006.

I rapporti tra Lippi e Panucci si guastarono nella primavera del 2000, quando i due erano a Milano. Panucci all’epoca sarebbe stato davvero utile all’Inter, vista la catena di infortuni che i nerazzurri dovettero fronteggiare. Oltre agli infortunati cronici Ronaldo e Vieri, non erano disponibili Georgatos, Jugovic, Rivas, Fresi, Michele Serena e Di Biagio. La rottura avvenne durante una partita Inter-Bari giocata il 22 aprile 2000: Panucci, alla seconda panchina consecutiva, rifiutò di entrare in campo. La domenica successiva, Lippi non lo convocò per la trasferta di Perugia e il rapporto andò definitivamente in frantumi. Invano, nel ritiro estivo di Sarre, in Val d’Aosta, tre mesi dopo, Moratti cercò una mediazione per ricomporre la situazione. Lippi accettò, seppur a malincuore, gli ordini della società (“sono un dipendente, Panucci è un patrimonio della società e io allenerò chiunque mi venga messo a disposizione”), ma fu Panucci a chiudere in quell’occasione la porta: “Da quando ho avuto problemi con Lippi, non ho più la testa per restare all’Inter. Non mi sono mai preso in giro e per questo motivo non torno indietro sulle mie decisioni. Per questa vicenda ho perso l’Europeo e una cosa del genere non posso perdonarla a nessuno. Sono costretto a lasciare l’Inter. Ho subito un torto, è stata toccata la mia professionalità e per questo motivo voglio andare a giocare in un’ altra squadra”. Così fu: Panucci lasciò l’Inter dopo 26 partite di campionato e 1 gol per passare al Chelsea.

Domani sfiderà la Nazionale per la prima volta da commissario tecnico e chissà se riuscirà a mantenere la calma ad un gol degli azzurri.

RONALDO, PUNIZIONI MAGICHE IN MAGLIA INTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy