EDITORIALE – Quattro is meglio che tri ma lo scudetto anche no

EDITORIALE – Quattro is meglio che tri ma lo scudetto anche no

Il consueto editoriale del lunedì sera, stavolta incentrato sui miglioramenti tra derby e Chievo e su una parola tabù che ha già iniziato a ondeggiare e a rimbalzare tra media e tifosi, anche se (forse) si può liquidare con una semplice risata

Commenta per primo!

Un vecchio spot con un giovanissimo Stefano Accorsi (prima che dalle sue idee si diffondessero fiction per Sky e chissà che altro) diceva che “Due is meglio che uàn”; oggi, guardando alla classifica di Serie A, vien voglia di rispolverarlo aggiornandolo alla situazione dell’Inter, reduce dalla quarta vittoria consecutiva e ancora sorprendentemente prima a punteggio pieno. Sorprendentemente perché non era affatto scontato che il Biscione arrivasse a preparare la quinta partita di campionato con alle spalle un poker di successi a prescindere, considerando quanto è stata rivoluzionata la rosa; inoltre va considerato che il percorso fin qui netto in classifica è stato realizzato mietendo vittime quali il rinnovato e combattivo Milan di Mihajlović e il coriaceo ChievoVerona di Maran, una delle squadre attualmente più in forma d’Italia. Certo, non vuol dire ancora niente, ma è innegabile che il derby e la trasferta al Bentegodi fossero due partite perlomeno ostiche che, con tutta probabilità, l’Inter non avrebbe vinto lo scorso anno.

Il miglioramento di questa settimana – c’è stato rispetto al derby, anche se la gara va analizzata a fondo per accorgersene – è lo sviluppo in meglio della dinamica di inizio dell’azione, con Kondogbia più libero di scendere tra i centrali per iniziare la manovra e con Felipe Melo già abile a leggere i movimenti del compagno, ai quali fa corrispondere un’azione sempre complementare: l’esito finale è che i due stanno abituandosi a scambiarsi vicendevolmente la posizione per garantire un’uscita dal pressing più semplice ai loro compagni. Certo, da qui ad arrivare a una manovra che si possa definire “fluida” manca ancora un bel tratto di strada, ma i segnali sono incoraggianti. Un miglioramento per quanto riguarda l’impianto di gioco – come non ci stuferemo mai di ripetere – resta comunque obbligatorio perché solo la qualità di manovra può dare risultati sul lungo periodo e l’Inter attuale è una squadra in grado di macinare punti solo nel breve perché non si può sperare di arrivare bene a maggio con questa povertà creativa. Tuttavia, come detto, i segnali sono incoraggianti.

Merita peraltro un approfondimento anche tutta la vicenda relativa alle chiacchiere attorno alla parola tabù che inizia per “s” e termina con “cudetto”: il web a tinte nerazzurre s’è dimostrato ancora una volta succube dei media che – giustamente, se si considera che hanno la necessità stringente di parlare di qualcosa ventiquattro ore al giorno – hanno iniziato a ipotizzare che quest’incarnazione dell’Inter possa effettivamente competere per il tricolore. Com’è prevedibile, i tifosi si sono immediatamente divisi in più fazioni che, con le dovute approssimazioni, si riducono a tre: i possibilisti, personaggi di indole inguaribilmente ottimista troppo felici che accanto al sintagma “Inter” sia riapparso il sintagma “scudetto”; i negazionisti, che ripetono come se fosse un mantra la locuzione “Champions League” quando si arriva a parlare di obiettivi a lunga scadenza (come peraltro ha recentemente fatto anche Guarín); gli oltranzisti, che per ora cercano di non pronunciarsi, anche solo per mantenere un minimo di lucidità di fronte ai vari strattoni che cercano di tirare dall’una o dall’altra parte. A fare da denominatore comune per tutti, grazie al Cielo, c’è per ora una grande ironia, che puntualmente stempera gli ardori anche dei più estremisti: del resto si sa, quando le cose van bene la tifoseria è troppo felice per indurre in psicanalisi approfondite.

La verità di fondo che, come sempre, esiste anche in questo caso è che – banalmente – è ancora troppo presto per parlare di scudetti, tricolori e feste in piazza Duomo. Perché se è innegabile che l’Inter ha fatto il 100% dei punti disponibili finora e quindi sta mantenendo una media punti da titolo (bella forza dopo quattro giornate!), lo è altrettanto che, con trentaquattro sfide ancora da giocare, siamo ancora più che all’inizio. Per fare un paragone letterario, è come se pensassimo che un libro è meritevole del Nobel alla letteratura dopo averne letto la prefazione e le prime quattro pagine del capitolo introduttivo, nelle quali il protagonista è appena apparso ma ancora non sappiamo nulla di lui. E, in un certo senso, questo vale anche per la Beneamata del Mancini 2.0: le gare con Atalanta, Carpi, Milan e Chievo sono un materiale troppo scarno perché si possa dire di conoscere quest’Inter.

Nel frattempo, mentre aspettiamo che una nuova luce illumini questa squadra e ci consenta di scoprirla in tutta le sue sfaccettature, tra i tanti (speriamo) pregi e gli inevitabili difetti, godiamoci il tragitto. Anche perché, attualmente, si sta viaggiando in prima classe e a una velocità di crociera elevata; sarebbe un peccato perdersi il paesaggio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy