PUNTO PRIMAVERA – Zaniolo non basta: Inter-Juventus finisce 1-1. L’Atalanta torna prima

PUNTO PRIMAVERA – Zaniolo non basta: Inter-Juventus finisce 1-1. L’Atalanta torna prima

Il Derby d’Italia a livello giovanile finisce con un pareggio per una rete a testa

di Marco Accarino, @AccarinoMarco

Un risultato non brillante costringe la primavera dell’Inter a lasciare la testa della classifica in favore dell’Atalanta, che vincendo contro i pari età dell’Udinese riconquistano il gradino più alto del podio dopo solamente una giornata. I ragazzi allenati da Stefano Vecchi nel match contro la Juventus di sabato pomeriggio non sono riusciti ad andare oltre l’1-1.

LA PARTITA – Un primo tempo equilibrato e con non moltissime occasioni per parte: inizia la gara in maniera positiva il croato Marko Pjaca, aggregato alla primavera per recuperare dalla lesione al ginocchio, che con un tiro insidia Pissardo. Poi l’Inter prende campo e con Lombardoni prima e Colidio dopo sfiorano il vantaggio, che stenta ad arrivare per questione di centimetri. La seconda frazione di gioco riprende dallo 0-0 maturato nei primi 45 minuti di gioco, e dopo una bella occasione capitata sui piedi di Odgaard è ancora Pjaca ad accendere i bianconeri con giocate di un calciatore che con i propri avversari sembra non c’entrare nulla. Il vantaggio dei piemontesi però arriva al 76′ grazie a Marco Olivieri: la punta ex Empoli sfrutta al meglio la palla servitagli da Tripaldelli e dopo aver colpito il palo insacca alle spalle di un incolpevole Pissardo. Dopo appena 7 giri d’orologio arriva però il pareggio dell’Inter, che grazie a Zaniolo trova la via del gol grazie ad una bella giocata dopo un cross proveniente dal terzino destro Valietti. Prima del fischio finale c’è ancora spazio per l’ultima clamorosa occasione a tinte juventine, con la punta Olivieri che non riesce però a mettere a segno la sua personale doppietta.

IL MIGLIORE IN CAMPO – Per i nerazzurri l’uomo che ha saputo accendere più volte la luce è stato Jens Odgaard: il danese classe 1999 dimostra ancora le sue qualità con giocate spesso di altissima classe. E’ suo lo splendido assist per Facundo Colidio (che poi sprecherà il pallone in malo modo) nel primo tempo ed è dai suoi piedi che parte la più grande occasione per l’Inter nel secondo tempo, gol a parte. Stefano Vecchi nelle ultime partite lo ha fatto partire dalla panchina, ma quando la punta ex Lyngby è in giornata può diventare veramente devastante, come insegna la prestazione tenuta nel derby della seconda giornata vinto per 3-0 contro il Milan dell’allora tecnico Gennaro Gattuso. 

PROSSIMO TURNO – La prossima gara di campionato vedrà impegnati i nerazzurri sul campo della Lazio sabato 9 dicembre alle ore 15:00. I biancocelesti non stanno vivendo una stagione entusiasmante, ed attualmente occupano la dodicesima posizione in classifica con 12 punti nonostante la vittoria esterna ottenuta sul campo del Sassuolo con il risultato di 1 rete a 0.

LA CLASSIFICA

CLASSIFICA PRIMAVERA

LEGGI ANCHE –> INTER, CON LA JUVE PUOI SOGNARE: ICARDI E PERISIC…

LEGGI ANCHE –> MORATTI: “IERI INTER BELLISSIMA. E SU SPALLETTI…”

I NERAZZURRI E I BUONI PROPOSITI PER IL NATALE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy